Autostrada Siracusa-Gela, si rompe il fronte sindacale. Filca Cisl fuori dall'accordo :ilSicilia.it
Siracusa

La decisione presa

Autostrada Siracusa-Gela, si rompe il fronte sindacale. Filca Cisl fuori dall’accordo

di
1 Luglio 2020

Un’opera pubblica considerata strategica per la Sicilia ma con una posizione di rango tra quelle distintesi fino a oggi per il passo di lumaca di progetti e cantieri.  Lo scorso 4 maggio, a lockdown concluso, i lavori dell’autostrada Siracusa-Gela sono ripartiti a pieno regime, con l’annuncio del governatore Nello Musumeci della realizzazione di nuovi chilometri di percorso e di altri interventi minori. Però, come se non fossero bastati anche gli ulteriori ritardi causati dall’emergenza sanitaria, adesso sul tracciato che unirà le due città sulle sponde opposte della Sicilia bagnate dal Mediterraneo, si abbatte anche la discordia sindacale. Al punto da far saltare il  fronte composto da Filca Cisl, Fillea Cigl e Feneal per tutelare i 110 lavoratori del cantiere.

Siamo fortemente rammaricati che, nonostante i ripetuti tentativi di trovare una soluzione unitaria si sia arrivati alla decisione, necessaria, di rompere l’accordo – dichiarano i dirigenti della Filca Cisl Domenico Murabito e Luca Gintili. La motivazione, spiegano i sindacalisti, risiede nella netta divergenza rispetto aì Fillea Cigl e a Feneal Uil “su due punti nevralgici dell’accordo aziendale che riguardano il lavoro straordinario e l’utilizzo dei contratti a tempo determinato“.

Una situazione che si aggiunge al già tormentato iter di quest’opera che qualche anno fa aveva rischiato di non ripartire a causa del fallimento della vecchia azienda. Solo grazie allo sforzo congiunto sia della stazione appaltante, il Consorzio per le Autostrade Siciliane (Cas) sia del mondo istituzionale e delle organizzazioni sindacali, fu poi possibile riprendere i lavori, che furono affidati alla società di costruzioni catanese Cosedil.

La Filca – conclude la nota- “non accetterà nessun compromesso: siamo pronti a continuare la nostra battaglia in tutte le sedi, anche per via legale qualora fosse necessario, per salvare il destino dei nostri lavoratori“.

Sulla vicenda sindacale ha replicato l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone: “comprendiamo bene che i sindacati abbiano la pressante esigenza di visibilità per apparire vivi e vegeti nel dibattito pubblico, ma ci dispiace deluderli. La Rosolini-Modica va avanti e cresce di giorno in giorno
Su 27 interferenze – ha aggiunto l’assessore – ben 11 sono già state rimosse, mentre per quanto riguarda l’Irsap, una delle più complicate, la gara d’appalto per i lavori è stata aggiudicata oggi e i lavori inizieranno entro il 12 luglio. Sotto il profilo finanziario, per altro verso, la Regione ha dotato il Cas di imponenti iniezioni di denaro e il Cas, a sua volta, sta pagando puntualmente gli stati di avanzamento dei lavori. Vorrei invece ricordare che il Consorzio autostrade siciliane, per questa opera, è creditore nei confronti del ministero delle Infrastrutture di oltre 60 milioni di euro. Ci saremmo aspettati che i sindacati lo avessero ricordato anziché limitarsi alla ricerca di qualche titolo di giornale. A tutti loro diciamo di stare tranquilli e che, in settimana, riceveranno l’invito per la giornata di apertura dello svincolo di Rosolini“.

Attualmente, sui lotti 6, 7 e 8 della Siracusa-Gela fra Rosolini e Modica, è in corso la costruzione di quasi 20 chilometri di percorso autostradale.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.