12 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.34
Messina

chiesta la chiusura del Cas

Autostrade, CittadinanzAttiva: “A18 e A20 sono un attentato alla sicurezza dei trasporti”

5 Febbraio 2019

CittadinanzAttiva denuncia la grave situazione dell’autostrada A18 Messina-Catania, acuita in queste ore dal forte maltempo che ha creato ulteriori disagi, tra buche e rattoppi, e con la chiusura da lunedì sera sino a oggi pomeriggio del tratto tra Giardini e Roccalumera. Per questo esplode la protesta e CittadinanzAttiva chiede la chiusura del Consorzio Autostrade Siciliane. 

“Avrà luogo a Messina mercoledì 6 febbraio, nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca – fa sapere CittadinanzAttiva -, un incontro organizzato da CittadinanzAttiva Sicilia e coordinato da Domenico Interdonato, per dare voce a tutti coloro, cittadini, lavoratori, comitati spontanei, che vogliono dire basta allo stato di abbandono in cui versano le autostrade A18 e A20, gestite dal Cas che agisce in aperta violazione dell’art. 14, lett. (g dello Statuto Speciale siciliano e che ha costretto Messina, unica città del Sud Europa, a pagare un conto salatissimo, con morti, feriti e danni economici”.

“CittadinanzAttiva propone – continua la nota – l’immediata chiusura del Cas, con passaggio delle competenze all’Anas e la temporanea trasformazione delle A18 e A20 in strade statali, con i conseguenti limiti di velocità, in attesa del ripristino di un minimo di condizioni di sicurezza. Le conclusioni dell’incontro saranno notificate, da CittadinanzAttiva e da una delegazione dei presenti, al Presidente della Regione, al Sindaco della Città Metropolitana, al prefetto, alla deputazione nazionale e regionale, al Consiglio comunale di Messina”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.