17 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.38
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Messina

chiesta la chiusura del Cas

Autostrade, CittadinanzAttiva: “A18 e A20 sono un attentato alla sicurezza dei trasporti”

5 febbraio 2019

CittadinanzAttiva denuncia la grave situazione dell’autostrada A18 Messina-Catania, acuita in queste ore dal forte maltempo che ha creato ulteriori disagi, tra buche e rattoppi, e con la chiusura da lunedì sera sino a oggi pomeriggio del tratto tra Giardini e Roccalumera. Per questo esplode la protesta e CittadinanzAttiva chiede la chiusura del Consorzio Autostrade Siciliane. 

“Avrà luogo a Messina mercoledì 6 febbraio, nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca – fa sapere CittadinanzAttiva -, un incontro organizzato da CittadinanzAttiva Sicilia e coordinato da Domenico Interdonato, per dare voce a tutti coloro, cittadini, lavoratori, comitati spontanei, che vogliono dire basta allo stato di abbandono in cui versano le autostrade A18 e A20, gestite dal Cas che agisce in aperta violazione dell’art. 14, lett. (g dello Statuto Speciale siciliano e che ha costretto Messina, unica città del Sud Europa, a pagare un conto salatissimo, con morti, feriti e danni economici”.

“CittadinanzAttiva propone – continua la nota – l’immediata chiusura del Cas, con passaggio delle competenze all’Anas e la temporanea trasformazione delle A18 e A20 in strade statali, con i conseguenti limiti di velocità, in attesa del ripristino di un minimo di condizioni di sicurezza. Le conclusioni dell’incontro saranno notificate, da CittadinanzAttiva e da una delegazione dei presenti, al Presidente della Regione, al Sindaco della Città Metropolitana, al prefetto, alla deputazione nazionale e regionale, al Consiglio comunale di Messina”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.