Autostrade Siciliane replica a De Luca: "Cantieri necessari dopo anni di incuria" :ilSicilia.it
Messina

il consorzio respinge le critiche

Autostrade Siciliane replica a De Luca: “Cantieri necessari dopo anni di incuria”

di
23 Giugno 2021

La governance del Consorzio per le Autostrade Siciliane replica con una nota alle recenti critiche del sindaco di Messina, Cateno De Luca e rassicura gli utenti sui rallentamenti determinati nelle scorse ore da un incidente autostradale autonomo verificatosi lungo la tangenziale di Messina, in direzione Palermo.

“Pur essendo evidente che certe ovvie conseguenze non sono imputabili alle gestioni autostradali, e che si verificano quotidianamente in ogni arteria di Italia – precisano il presidente e i consiglieri di Autostrade Siciliane, chiamati in causa da toni e termini denigratori – si interrogano piuttosto sulle intenzioni che le motivano; su cosa spinga un sindaco, anziché fare proprio il normale atteggiamento di collaborazione istituzionale dovuto, a lanciare accuse infondate e strumentali che non rendono giustizia nemmeno ai cittadini, invece utilizzati così per veicolare rabbia e odio sociale a favore di certe ambizioni elettorali. Si rammenta inoltre al primo cittadino, che ben conosce le macchine amministrative e burocratiche, che i cantieri di lavoro sono indispensabili per garantire, dopo decenni di incuria, la sua sicurezza e quella di tutti i viaggiatori, a meno di non voler chiudere le autostrade”.

“Questa governance – fa sapere anche la direzione Generale – com’è noto ha assunto da pochi anni la responsabilità del rilancio di una rete autostradale di 300 chilometri, con 190 gallerie e 400 viadotti, realizzata per tre quarti tra il 1967 e il 1973. La vetustà di tali opere e l’assenza decennale di manutenzione ordinaria hanno reso urgenti attività di controllo e monitoraggio, di adeguamento alle norme attuali e soprattutto di manutenzione straordinaria. Questo è il motivo per cui oggi si registra giorno e notte, nonostante i disagi causati dall’emergenza Covid, un programma preciso di interventi mai visto negli ultimi venti anni, che però danno la misura dello slancio che in ogni suo reparto Autostrade Siciliane ha impresso al recupero dell’intera rete. Abbiamo fatto impennare a 36 milioni di euro gli investimenti annuali per la manutenzione ordinaria e l’ammontare totale dei lavori in corso è stimabile in circa 600 milioni di euro”. 

“Ringraziamo infine – conclude il Cas – coloro che viaggiando possono a volte imbattersi in disagi a causa della presenza di così tanti cantieri, consapevoli però che ciò rappresenta l’unica cura che può permettere tutti di avere nel più breve tempo possibile strade migliori e più sicure”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin