Autostrade, Sindacati: "Personale in sciopero per cinque giorni" :ilSicilia.it

fino al 26 ottobre

Autostrade, Sindacati: “Personale in sciopero per cinque giorni”

di
21 Ottobre 2021

Una seconda azione di sciopero del personale delle autostrade siciliane scatta domani e si protrarrà per cinque giorni fino al 26 ottobre. A proclamarla sono state le segreterie provinciali di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti e Sla Cisal che dopo l’incontro svoltosi ieri con i vertici del Consorzio hanno confermato la protesta reputando “insufficienti le rassicurazioni presentate al tavolo di confronto dalla parte datoriale“.

Abbiamo apprezzato il tentativo del Cda del Cas di evitare la protesta convocandoci – affermano i sindacati in una nota congiunta – fornendo la disponibilità a proseguire nel percorso intrapreso per l’applicazione del contratto nazionale delle autostrade e trafori al personale ed anche le garanzie che l’assessorato regionale ha voluto inviare con una missiva sull’imminente approvazione in giunta regionale delle delibere necessarie . Dobbiamo però evidenziare – aggiungono – come siano emerse incomprensibili e ingiustificabili interpretazioni e contraddizioni procedurali tra i consulenti ed il Cda da un lato e i Direttori generale e amministrativo dello stesso Consorzio dall’altro, allorquando il sindacato chiedeva la concreta applicazione economica e normativa del contratto nazionale e le giuste decorrenze delle stesse come da diritto acquisito dei lavoratori. Giunge notizia – sottolineano i sindacati – che in queste ore la Giunta Regionale a Palermo debba procedere all’approvazione degli atti necessari affinché il Consorzio possa procedere al riconoscimento del contratto ai lavoratori , ma restano tuttavia aperte le questioni relative alla pianta organica, al piano industriale , alle assunzioni e agli arretrati economici maturati dai dipendenti. La protesta pertanto viene confermata vista la mancanza di fatti concreti che diano garanzie sulla risoluzione delle problematiche alla base dello sciopero – concludono i sindacati – e giunge dopo una prima azione di sciopero, sempre di cinque giorni, costato al Consorzio circa 300 mila euro in termini di mancato incasso. Restiamo attenti ad eventuali sviluppi attesi dalla Giunta Regionale e già il prossimo martedì è previsto un nuovo confronto tra sindacati e Consorzio“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin