Avaria al depuratore di Giardini Naxos, nuova tegola sul G7 :ilSicilia.it
Messina

Avaria alle porte della stagione turistica e a sole tre settimane dal G7

Avaria al depuratore di Giardini Naxos con blocco improvviso degli impianti, nuova tegola sul G7

3 Maggio 2017

“Avaria soffiante”, è in gergo tecnico il fenomeno di blocco improvviso degli impianti di depurazione dei Comuni di Taormina, Giardini, Letojanni e Castelmola che si è verificato nelle scorse ore nell’impianto di contrada Pietre Nere, sede del Consorzio Rete Fognante a Giardini Naxos.

Dopo un inverno trascorso con l’angoscia delle possibile inondazioni dell’impianto da parte delle acque dell’Alcantara, stavolta un altro problema inatteso e preoccupante si è verificato alle porte della stagione turistica e a sole tre settimane dal G7.

Depuratore Giardini Naxos

“Gli operai in forza presso il depuratore – spiega il direttore d’esercizio del Consorzio, l’ingegner Daniele Manganaro hanno verificato l’avaria della soffiante a servizio della linea n. 3 della sezione biologica e tale avaria ha causato per circa 8 ore l’assenza di apporto di ossigeno alla sezione di nitrificazione-ossidazione della sezione di processo. Pertanto, per tale periodo, il reattore non ha funzionato correttamente, non garantendo quindi la completa depurazione del liquame trattato. La soffiante, una volta riparata, è stata poi rimessa in esercizio. Inoltre è necessario fare presente che la linea n. 1 della sezione biologica, in manutenzione ormai da parecchi mesi risulta attualmente in stand by, diminuendo le capacità depurative dell’impianto del 33% e quindi risulta necessario soprattutto con l’avvento della stagione estiva, riattivarla nel minor tempo possibile”.

Ciò – aggiunge l’ingegnere Manganaro – è fondamentale per la deconcentrazione dei fanghi presenti nei sedimentatori n.2, 3, 4. E per la diminuzione del 25% della velocità ascensionale del liquame nei sedimentatori, al fine di evitare possibili tracimazioni di fango misto a liquame depurato nelle canalette dei sedimentatori stessi”.

Il Consorzio della Rete Fognante di Giardini Naxos, che interessa anche i Comuni di Taormina, Letojanni e Castelmola da tempo ormai è in pressing sui quattro Comuni per ottenere con una maggiore puntualità i pagamenti delle cifre che spettano mensilmente all’ente per la depurazione e i ritardi che si sono verificati hanno portato il Consorzio ad accumulare un debito di circa 2 milioni 800 mila euro, il cui eco negativo si riflette poi sui mancati pagamenti ai fornitori.

E a preoccupare è soprattutto la situazione di arretrati in atto verso Enel e verso l’impresa che si occupa dello smaltimento dei fanghi. In prossimità del G7, insomma, se non è emergenza poco ci manca.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.