Avaria al depuratore di Giardini Naxos, nuova tegola sul G7 :ilSicilia.it
Messina

Avaria alle porte della stagione turistica e a sole tre settimane dal G7

Avaria al depuratore di Giardini Naxos con blocco improvviso degli impianti, nuova tegola sul G7

di
3 Maggio 2017

“Avaria soffiante”, è in gergo tecnico il fenomeno di blocco improvviso degli impianti di depurazione dei Comuni di Taormina, Giardini, Letojanni e Castelmola che si è verificato nelle scorse ore nell’impianto di contrada Pietre Nere, sede del Consorzio Rete Fognante a Giardini Naxos.

Dopo un inverno trascorso con l’angoscia delle possibile inondazioni dell’impianto da parte delle acque dell’Alcantara, stavolta un altro problema inatteso e preoccupante si è verificato alle porte della stagione turistica e a sole tre settimane dal G7.

Depuratore Giardini Naxos

“Gli operai in forza presso il depuratore – spiega il direttore d’esercizio del Consorzio, l’ingegner Daniele Manganaro hanno verificato l’avaria della soffiante a servizio della linea n. 3 della sezione biologica e tale avaria ha causato per circa 8 ore l’assenza di apporto di ossigeno alla sezione di nitrificazione-ossidazione della sezione di processo. Pertanto, per tale periodo, il reattore non ha funzionato correttamente, non garantendo quindi la completa depurazione del liquame trattato. La soffiante, una volta riparata, è stata poi rimessa in esercizio. Inoltre è necessario fare presente che la linea n. 1 della sezione biologica, in manutenzione ormai da parecchi mesi risulta attualmente in stand by, diminuendo le capacità depurative dell’impianto del 33% e quindi risulta necessario soprattutto con l’avvento della stagione estiva, riattivarla nel minor tempo possibile”.

Ciò – aggiunge l’ingegnere Manganaro – è fondamentale per la deconcentrazione dei fanghi presenti nei sedimentatori n.2, 3, 4. E per la diminuzione del 25% della velocità ascensionale del liquame nei sedimentatori, al fine di evitare possibili tracimazioni di fango misto a liquame depurato nelle canalette dei sedimentatori stessi”.

Il Consorzio della Rete Fognante di Giardini Naxos, che interessa anche i Comuni di Taormina, Letojanni e Castelmola da tempo ormai è in pressing sui quattro Comuni per ottenere con una maggiore puntualità i pagamenti delle cifre che spettano mensilmente all’ente per la depurazione e i ritardi che si sono verificati hanno portato il Consorzio ad accumulare un debito di circa 2 milioni 800 mila euro, il cui eco negativo si riflette poi sui mancati pagamenti ai fornitori.

E a preoccupare è soprattutto la situazione di arretrati in atto verso Enel e verso l’impresa che si occupa dello smaltimento dei fanghi. In prossimità del G7, insomma, se non è emergenza poco ci manca.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.