Aveva offeso i tifosi del Palermo, il capitano del Nola chiede scusa :ilSicilia.it
Palermo

LE PAROLE DI ANTONIO GUARRO

Aveva offeso i tifosi del Palermo, il capitano del Nola chiede scusa

di
6 Marzo 2020

In una partita di calcio, si sa, i giocatori si lasciano prendere dalla foga e dall’agonismo per dare il 100% in campo. Ma a volte tutto ciò sfocia in brutti gesti, come successo ad Antonio Guarro, capitano del Nola durante la sfida di domenica contro il Palermo.

Un gesto che ha fatto imbufalire i tifosi rosanero presenti al Renzo Barbera, che lo hanno fischiato ad ogni tocco di palla. A qualche giorno di distanza, il capitano della formazione campana ha chiesto scusa attraverso i canali social della società.

LE PAROLE DI GUARRO

Palermo-Nola foto di Giuseppe Bertolino e Fabio Lana

Sono fiero di essere il capitano di questa società giovane e ambiziosa – afferma Guarro -. Purtroppo domenica scorsa mi sono lasciato andare in un gesto istintivo, a cui nessun calciatore, in particolare chi indossa una fascia, deve cedere“.

Il giocatore, originario di Torre Annunziata, città rappresentata calcisticamente dal Savoia, si pente del suo comportamento e chiede scusa ai supporters del Palermo.

“In quanto capitano, sono pienamente consapevole di avere una duplice responsabilità. Rappresentare questi colori ed essere un esempio per i piu’ giovani. Domenica al Barbera non e’ stato così.
Chiedo pertanto scusa a tutti coloro che si sono sentiti offesi, ovvero ad una società prestigiosa e una tifoseria storica come quelle del Palermo. Chiedo inoltre scusa ai miei compagni di squadra e alla società del Nola“.

Sbagliare è umano, diceva qualcuno. In un momento in cui il calcio vive un momento di crisi a seguito dell’emergenza coronavirus, questo rappresenta sicuramente un gesto di maturità.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.