Avrebbero inscenato una falsa sparatoria, 2 poliziotti dinanzi al Gup | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'episodio contestato è datato 16 marzo 2015

Avrebbero inscenato una falsa sparatoria, 2 poliziotti dinanzi al Gup

di
24 Novembre 2016

Comincerà il prossimo 9 dicembre l’udienza preliminare per gli agenti della polizia, Francesco Elia e Alessandra Salamone, finiti ai domiciliari a luglio scorso per calunnia e falso. Ad agosto il riesame aveva rigettato la scarcerazione ma i giudici non hanno creduto alla versione degli agenti sulla sparatoria che avvenne il 16 marzo dello scorso anno allo Zen 2 di Palermo. Secondo il giudice Maria Pino il conflitto a fuoco non ci sarebbe mai stato, da qui l’arresto con l’accusa di avere organizzato una messinscena.

“Abbiamo visto un’auto che procedeva a zig zag, nella rotonda di via Lanza di Scalea hanno detto – Appena il conducente si è accorto di noi, è fuggito e l’abbiamo inseguito. Abbiamo poi perso di vista il veicolo, fino a ritrovarlo allo Zen 2 dove c’è stato il conflitto a fuoco”. Dopo la sparatoria, fu arrestato un giovane rom rimasto in carcere 59 giorni: Roberto Milankovic (per altro non riconosciuto dagli agenti dopo il suo arresto) che è a processo ma solo per resistenza a pubblico ufficiale. Durante le indagini è infatti caduta l’accusa di tentato omicidio. Le spiegazioni date dagli agenti, secondo il pm non sono plausibili. Anche gli accertamenti balistici convergerebbero verso l’ipotesi di calunnia, secondo il pm e il gip che convalidò l’arresto. Per il perito Glauco Angeletti, consulente del pm, il proiettile che colpì l’autovettura della polizia fu sparato da 6-8 metri e non 40 come riferito dai poliziotti.

“E’ una consulenza priva di qualsiasi carattere scientifico, fatta da una persona che si occupa di armi antiche – ha detto l’avvocato degli agenti Antonino Zanghì – Il proiettile è stato sparato da almeno 15-20 metri. Una distanza compatibile con la versione dei miei assistiti, inoltre non è possibile che Elia si sia sparato causandosi una ferita come quella che aveva sul braccio”. Il giudice delle indagini preliminari ha ricostruito anche un possibile movente. Gli indagati avrebbero agito per “conseguire visibilità e benefici nell’ambito dell’amministrazione pubblica di appartenenza. La simulazione del conflitto a fuoco è stata realizzata mediante un atto di autolesionismo e adoperando beni dei quali gli indagati avevano disponibilità per il lavoro”. Anche questo, secondo Zanghì, è “assurdo” così come è “sproporzionata la misura cautelare”. Per il gip, “Il pericolo di reiterazione criminosa è grave ed è attuale”. Dello stesso parere anche il Riesame. Adesso la parola passa al gup Gioacchino Scaduto.

(LS)

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.