Avvocati palermitani al voto fra le polemiche per il Consiglio dell'Ordine | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Si rinnovano le cariche. Presentato anche un esposto

Avvocati palermitani al voto fra le polemiche per il Consiglio dell’Ordine

31 Gennaio 2019

Cinquemila e duecento avvocati alle urne per l’elezione del Consiglio dell’ordine di Palermo. Una consultazione nella quale si confrontano tre liste e che è stata preceduta da polemiche e persino da un esposto.

Tre le liste in competizione per i 25 posti da consigliere in palio, la più giovane delle quali è “Forza dell’Avvocatura”, costruita da Vincenzo Sparti, nella quale corrono, tra gli altri Daniela Cascio (nella foto) e Aurelio Romanelli.

In campo anche “Avvocati Liberi e Indipendenti”, nella quale sono candidati il penalista Mario Bellavista e Michele Calantropo (nella foto in basso).

La terza è considerata la lista da battere, quella nella quale corrono, tra gli altri, Dario Greco, fratello del presidente uscente Francesco Greco, Giuseppe Di Stefano, con alle spalle già due mandati, e Massimo Motisi.

La consultazione ha anche un risvolto polemico. Da più parti è contestata il via libera dato dalla commissione elettorale alla ricandidatura di consiglieri che hanno svolto già due mandati, nonostante una recente pronuncia delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione li ritenga ineleggibili.

Le contestazioni sono contenute in un esposto al Consiglio nazionale forense e al Consiglio dell’ordine di Palermo presentato da sei avvocati tra i quali Bellavista e Calantropo.

In precedenza l’avvocato Vincenzo Sparti, aveva scritto una lettera per criticare la scelta della Commissione elettorale di dare il via libera alle candidature. Una lettera in cui si parlava di “aperta e intenzionale violazione della norma di legge”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.