Avvocati palermitani al voto fra le polemiche per il Consiglio dell'Ordine | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Si rinnovano le cariche. Presentato anche un esposto

Avvocati palermitani al voto fra le polemiche per il Consiglio dell’Ordine

di
31 Gennaio 2019
Cinquemila e duecento avvocati alle urne per l’elezione del Consiglio dell’ordine di Palermo. Una consultazione nella quale si confrontano tre liste e che è stata preceduta da polemiche e persino da un esposto.

Tre le liste in competizione per i 25 posti da consigliere in palio, la più giovane delle quali è “Forza dell’Avvocatura”, costruita da Vincenzo Sparti, nella quale corrono, tra gli altri Daniela Cascio (nella foto) e Aurelio Romanelli.

In campo anche “Avvocati Liberi e Indipendenti”, nella quale sono candidati il penalista Mario Bellavista e Michele Calantropo (nella foto in basso).

La terza è considerata la lista da battere, quella nella quale corrono, tra gli altri, Dario Greco, fratello del presidente uscente Francesco Greco, Giuseppe Di Stefano, con alle spalle già due mandati, e Massimo Motisi.

La consultazione ha anche un risvolto polemico. Da più parti è contestata il via libera dato dalla commissione elettorale alla ricandidatura di consiglieri che hanno svolto già due mandati, nonostante una recente pronuncia delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione li ritenga ineleggibili.

Le contestazioni sono contenute in un esposto al Consiglio nazionale forense e al Consiglio dell’ordine di Palermo presentato da sei avvocati tra i quali Bellavista e Calantropo.

In precedenza l’avvocato Vincenzo Sparti, aveva scritto una lettera per criticare la scelta della Commissione elettorale di dare il via libera alle candidature. Una lettera in cui si parlava di “aperta e intenzionale violazione della norma di legge”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.