Azione, il nuovo partito di Calenda anche in Sicilia: "Zingaretti e Renzi riformisti rammolliti" :ilSicilia.it

Primo congresso a giugno 2020

Azione, il nuovo partito di Calenda anche in Sicilia: “Zingaretti e Renzi riformisti rammolliti”

di
22 Novembre 2019

Da un lato abbraccia +Europa di Emma Bonino e dall’altro non e manda a dire a Pd e alla nuova creatura renziana Italia Viva. Zingaretti e Renzi? «Sono riformisti rammolliti perché hanno paura, sono succubi e tradiscono i loro valori. I riformisti vincono se esprimono un’azione forte come con il governo Renzi che oggi viene tradito proprio da Renzi con la fallimentare alleanza con M5S».

Azione, il nuovo partito di Calenda anche in Sicilia: Così afferma l’ex ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, presentando il suo nuovo partito: “Azione“. Dove la “A” graficamente è attraversata da una freccia, quasi come nei loghi dei supereroi “in stile Avengers”.

La speranza – forse – è di volare alto, ispirandosi al popolarismo sociale di Don Luigi Sturzo. «Siamo di destra per l’iniziativa privata e di sinistra per la scuola e la sanità pubblica», precisa“Un fronte anti sovranista, e anti populista”. 

Nello scenario politico, Azione guarda al centrosinistra e ai liberali, ma Calenda ci tiene a discostarsi subito lontano da Italia Viva, giudicando Renzi un leader “spregiudicato” che avrebbe usato lo spauracchio di Salvini per il proprio tornaconto: «Il governo coi 5 Stelle è stato un errore, oggi il centrosinistra è più debole. È stata una buona idea solo per Renzi. Chi davvero può credere che in signore in mutande che beve mojito ottenga i pieni poteri che vuole. E se avesse vinto Salvini avremmo fatto un’opposizione durissima portando 5 milioni di persone in piazza. Salvini è una persona senza onore e un trasformista e opportunista».

Quindi – giura – “mai alleati con Lega e Cinquestelle”.

A co-fondare e sostenere Azione, che farà un congresso a giugno 2020, ci sono – come scrive Repubblica «imprenditori come Luciano Cimmino di Yamamay, Alberto Baban, sindaci come Francesco Italia di Siracusa, Giangiacomo Palazzolo di Cinisi, personalità da Alessandro Barbano a Walter Ricciardi, politici di varia appartenenza sia Dem che di +Europa come Emma Fattorini, Mila Spicola, Andrea Mazziotti, dal momento che è prevista la doppia tessera».

 

IL MANIFESTO DEL PARTITO (PDF)

LEGGI ANCHE:

Nasce anche in Sicilia “Azione”, il nuovo partito di Carlo Calenda

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.