Babbo Natale in 500: iniziativa di solidarietà a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Animeranno i clown del Circo Lidia Togni

Babbo Natale in 500: iniziativa di solidarietà a Palermo

di
13 Dicembre 2017

“Babbo Natale in 500 … per donare un sorriso”, raduno di auto e moto d’epoca organizzato in piazza Pretoria dal “Fiat 500 Club Sicilia”, domenica 17 dicembre, a partire dalle ore 8,30 per raccogliere generi di prima necessità da donare all’Afmal, Sezione Locale  Fatebenefratelli. Si tratta di un’organizzazione non governativa Onlus, di utilità sociale, impegnata in un percorso di salvaguardia della vita umana attraverso lo sviluppo dell’assistenza sanitaria in Italia e nei paesi emergenti.

In occasione del Santo Natale 2017, il sodalizio palermitano presieduto da Giuseppe Scardina mira a un’opera di sensibilizzazione verso “il Sociale”. Negli anni l’evento, giunto alla sua terza edizione, è diventato appuntamento fisso del calendario delle iniziative dall’elevato risvolto di beneficenza: lo scorso anno, ad esempio, è stato organizzato Babbo Natale in 500 … sulle orme di don Pino Puglisi , prevedendo raduni anche nei quartieri di Brancaccio, Ciaculli e Croceverde.

“Babbo Natale in 500 … per donare un sorriso” avrà inizio alle 8,30 con la registrazione degli equipaggi in piazza Pretoria a Palermo, quindi si raccoglieranno alimenti e altri beni di prima necessità.

La manifestazione di beneficenza prevede anche la cerimonia di conferimento a Rita Vinci (nella foto) della carica di Socio Onorario al “Fiat 500 Club Sicilia”.

I doni saranno consegnati all’associazione nel corso della parata per le vie del centro di Palermo, che i partecipanti effettueranno a bordo della loro fiammanti Fiat 500, portando un sorriso a chi è meno fortunato. E per riuscire meglio in questo obiettivo ci saranno i clown del Circo Lidia Togni. E il direttore del Circo Lidia Togni, Vinicio Togni, ha incontrato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando a Villa Niscemi.

“Sono felice che tu Vinicio hai deciso di essere cittadino di Palermo per questo periodo natalizio, ho grande stima per te e la tua famiglia, voi siete la cultura, la vera cultura popolare per niente anacronistico”, ha detto il sindaco.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.