"Bacioni da Lampedusa" e sul web scoppia l'ironia :ilSicilia.it

Dopo la rabbia e il furore arrivano i sorrisi

“Bacioni da Lampedusa” e sul web scoppia l’ironia

di
1 Luglio 2019

Dopo la rabbia e il furore arrivano i sorrisi. Ancora presto per parlare di grandi risate ma dalle invettive nei confronti del capitano della Sea Watch, Carola Rackete, si è passato ai fotomontaggi che la ritraggono in braccio al ministro dell’Interno Matteo Salvini.

In pochi giorni, la storia del capitano tedesco che il 29 giugno ha attraccato a Lampedusa, dopo aver forzato il blocco della guardia di finanza, ha fatto il giro del mondo. Gli italiani si sono divisi in modo netto: chi la detesta e chi la sostiene in modo viscerale.

Nelle ore successive allo sbarco della nave, con a bordo 42 migranti, c’è stato chi le ha augurato i mali peggiori sui social. In un lasso di tempo molto breve si è scatenata una ridda di improperi che ne ha fatto la “donna che si ama odiare“, per dirla alla Erich Von Stroheim, in versione femminile.

Anche i fotomontaggi sono parte di questa vicenda che necessita di un ridimensionamento e, probabilmente, possono contribuire a farlo. Del resto, al di là di qualunque idea in relazione al caso, non si può fare a meno di sorridere, dimenticando per un attimo l’assoluta serietà dell’argomento.

Basta osservare il fotomontaggio che ritrae un Matteo Salvini serafico con la Rackete in braccio per costruire una storia fantasiosa con cui risalire ai “veri” motivi della faccenda.

“Una storia d’amore segreta finita male?”, si legge da qualche parte sul web.  Scherzi a parte, non ci sono stati morti, per fortuna, e gli internauti si concedono adesso un po’ di senso dell’umorismo. Ma l’ironia è una cosa seria e anche questo, probabilmente, potrebbe fare storcere il naso a qualcuno.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.