18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.53

Dopo la rabbia e il furore arrivano i sorrisi

“Bacioni da Lampedusa” e sul web scoppia l’ironia

1 Luglio 2019

Dopo la rabbia e il furore arrivano i sorrisi. Ancora presto per parlare di grandi risate ma dalle invettive nei confronti del capitano della Sea Watch, Carola Rackete, si è passato ai fotomontaggi che la ritraggono in braccio al ministro dell’Interno Matteo Salvini.

In pochi giorni, la storia del capitano tedesco che il 29 giugno ha attraccato a Lampedusa, dopo aver forzato il blocco della guardia di finanza, ha fatto il giro del mondo. Gli italiani si sono divisi in modo netto: chi la detesta e chi la sostiene in modo viscerale.

Nelle ore successive allo sbarco della nave, con a bordo 42 migranti, c’è stato chi le ha augurato i mali peggiori sui social. In un lasso di tempo molto breve si è scatenata una ridda di improperi che ne ha fatto la “donna che si ama odiare“, per dirla alla Erich Von Stroheim, in versione femminile.

Anche i fotomontaggi sono parte di questa vicenda che necessita di un ridimensionamento e, probabilmente, possono contribuire a farlo. Del resto, al di là di qualunque idea in relazione al caso, non si può fare a meno di sorridere, dimenticando per un attimo l’assoluta serietà dell’argomento.

Basta osservare il fotomontaggio che ritrae un Matteo Salvini serafico con la Rackete in braccio per costruire una storia fantasiosa con cui risalire ai “veri” motivi della faccenda.

“Una storia d’amore segreta finita male?”, si legge da qualche parte sul web.  Scherzi a parte, non ci sono stati morti, per fortuna, e gli internauti si concedono adesso un po’ di senso dell’umorismo. Ma l’ironia è una cosa seria e anche questo, probabilmente, potrebbe fare storcere il naso a qualcuno.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.