Bagarre in Consiglio Comunale, Ferrandelli: "Palermo sta affondando come il Titanic" :ilSicilia.it
Palermo

duro scontro in aula

Bagarre in Consiglio Comunale, Ferrandelli: “Palermo sta affondando come il Titanic”

24 Dicembre 2019

“Si conclude con l’abbandono dell’aula da parte dei consiglieri di maggioranza e con la permanenza dei consiglieri di opposizione, che consentono di votare una presa d’atto di adempimento alla legge, la seduta della vigilia di Natale a palazzo delle Aquile”.

Dura l’invettiva da parte del leader di più EuropaFabrizio Ferrandelli – oggi in aula per contestare la mancata raccolta dei rifiuti, le politiche della mobilità cittadina e più in generale l’assenza di gestione dell’intera città.

Ferrandelli non fa mistero di avere informazioni molto dettagliate circa una delibera che l’assessore Catania vorrebbe far votare oggi in Giunta e che prevederebbe, in sfregio alle decisioni del Consiglio, nuovamente l’istituzione della ZTL nei weekend e H24. 

fabrizio-ferrandelliEd è li che lo scontro diventa incandescente e l’invettiva si inasprisce: “La città è fuori controllo, la Giunta non è mai presente, siamo fuori tempo per l’approvazione del bilancio consolidato che mette in sicurezza i conti e consente la stabilizzazione degli ultimi dipendenti precari in carico al Comune di Palermo e di poter dare alcune certezze sui conti. Una situazione quella odierna che suscita imbarazzo, evidentemente, anche ai consiglieri della maggioranza che di lì a poco abbandonano i lavori d’aula. 

Ferrandelli trova in aula anche il sostegno del Presidente del Consiglio Comunale Salvatore Orlando che si schiera a difesa delle prerogative del consiglio. Non si placa però Ferrandelli che sostiene che “come nel Titanic, mentre la banda continua far festa e alcuni passeggeri a ballare, c’è chi come lui grida per l’imminente pericolo tentando di evitare che Palermo affondi del tutto”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.