23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38
Palermo

La mostra sarà inaugurata sabato 7 luglio

Bagheria: al via il festival dedicato al cinema d’animazione “Animaphix”

13 Giugno 2018

Prosegue il suo viaggio verso nuove visioni, nuove prospettive di un cinema d’animazione inatteso e coinvolgente, Animaphix, festival dedicato al cinema d’animazione, che si terrà a Bagheria dal 18 al 22 luglio 2018, presso Villa Cattolica – Museo Guttuso.

bagheriaDurante la prossima edizione il festival offrirà un’ampiapanoramica sulle varie declinazioni del settore dell’animazione internazionale: dall’esplorazione delle produzioni marcatamente tradizionali a quelle di carattere più sperimentale.

Hugh Welchman e Dorota Kobiela presenteranno il loro Loving Vincent (2016), – innovativo esperimento di cinema d’animazione, realizzato mescolando pittura a olio, tecnologia, tele, riprese dal vivo e computer grafica – e saranno protagonisti di una carte blanche attraverso la quale saranno mostrate in anteprima le immagini dibackstage, le tavole preparatorie, i bozzetti e i video del processo evolutivo di questo monumentale progetto artistico, primo nella storia della cinematografia mondiale a essere interamente dipinto a mano, che ha richiesto sette anni di lavorazione. Il festival sarà inoltre occasione per vedere Peter and the Wolf (2006), corto diretto da Suzie Templeton, vincitore del Premio Oscar nel 2007 e prodotto da Hugh Welchman.

Altro ospite speciale sarà Volker Schlecht, regista tedesco che con Kaputt/Broken – The Women’s Prison at Hoheneck (2016), nella edizione precedente di Animaphix ha vinto il premio come migliore cortometraggio internazionale. A lui il festival dedicherà una carte blanche e una retrospettiva integrale.

Spazio anche all’illustrazione attraverso Come se fosse ieri, personale dell’eclettico illustratore Marco Cazzato, autore, tra l’altro, del manifesto di Animaphix 2018.

La mostra sarà inaugurata sabato 7 luglio, alle ore 18.30, presso il Museo Guttuso e resterà aperta per tutta la durata del festival.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.