Bagheria. Al via il piano di aiuti per chi soffre di disabilità gravi :ilSicilia.it
Palermo

previsti pure contributi economici

Bagheria. Al via il piano di aiuti per chi soffre di disabilità gravi

di
2 Aprile 2018

Ai nastri di partenza il programma “Dopo di noi”, il piano di assistenza per le persone con disabilità gravi. Il progetto prevede delle forme d’aiuto per chi è privo del sostegno della famiglia o si trova in situazioni d’indigenza. L’iniziativa nasce con l’idea di applicare il concetto di “principio di sussidiarietà” anche in contesti in cui normalmente si fa ricorso all’intervento pubblico. Non che i fondi siano stati reperiti da privati ma la dotazione permette di non rivolgersi al Sistema Sanitario Nazionale.

Nello specifico, “Dopo di noi” è volto allo sviluppo della coesione sociale e all’autonomia dei soggetti coinvolti che hanno perso i familiari e per questo hanno bisogno di assistenza. Tra gli obiettivi anche quello di garantire, laddove è possibile, la permanenza nel loro domicilio.

Tra le soluzioni programmate per sostenere chi soffre di patologie gravi anche ricoveri temporanei da affiancare all’aiuto domiciliare, l’assunzione di assistenti familiari, contributi economici e interventi di riabilitazione sociale e motoria in centri sportivi e di aggregazione.

Dopo di noi” dispone di circa 220 mila euro, erogati in due tranche dalla Regione che a sua volta ha ricevuto un finanziamento dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di oltre tre milioni di euro. Il servizio è infatti previsto da una legge dello Stato, approvata nel 2016, per sostenere i pazienti rimasti soli dopo la morte dei parenti che li accudivano.

All’epoca, la norma fu osteggiata in Senato, prima dell’approvazione definitiva a Montecitorio, proprio dal M5S che la bollò come un provvedimento che “Favorisce assicurazioni e privati”, come riportò “L’Espresso“.

Adesso, la giunta pentastellata guidata da Patrizio Cinque ne ha approvato bilancio e programmazione dopo che anche il Comitato dei Sindaci dei 5 Comuni del Distretto 39 (il sistema integrato per la realizzazione degli interventi sociali che comprende Altavilla Milicia, Bagheria, Casteldaccia, Ficarazzi e Santa Flavia, ed è presieduto dallo stesso Cinque) ha dato l’ok all’iniziativa.

Per ottenere tutte le informazioni del caso è possibile contattare gli uffici delle Politiche Sociali del Comune di Bagheria.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.