Bagheria: alla scuola Cirincione il ricordo dei caduti della polizia :ilSicilia.it
Palermo

PRESENTI ALCUNI ESPONENTI DI FRATELLI D'ITALIA

Bagheria: alla scuola Cirincione il ricordo dei caduti della polizia

di
21 Ottobre 2019

Si è svolta a Bagheria domenica 20 ottobre nell’atrio della Scuola Elementare “Giuseppe Cirincione”, la cerimonia in ricordo degli agenti di polizia deceduti in servizio il 4 ottobre presso la Questura di Trieste.

La celebrazione è avvenuta davanti il Monumento ai Caduti, sito nel cortile antistante la scuola. Alla cerimonia hanno partecipato i rappresentati di Fratelli d’Italia di Bagheria, Carolina Varchi deputato nazionale e il sindaco di Bagheria Filippo Maria Tripoli, l’assessore Maurizio Lo Galbo, l’assessore Brigida Alaimo e i rappresentanti delle forze militari e di polizia.

Prima della deposizione della corona e dell’esecuzione del silenzio fuori ordinanza, l’onorevole Varchi, il sindaco Tripoli ed il commissario Maria Russo hanno ringraziato gli operatori di Polizia per l’impegno profuso quotidianamente a difesa delle libere istituzioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.