Bagheria. Annullata concessione edilizia ai parenti di un mafioso :ilSicilia.it
Palermo

Il sindaco Cinque: "Colpire la criminalità puntando al suo patrimonio"

Bagheria. Annullata concessione edilizia ai parenti di un mafioso

5 Marzo 2018

Annullata una concessione edilizia in sanatoria di un edificio intestato ai parenti di un uomo con trascorsi legati alla mafia. Lo rende noto  il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque.

“Si trova lungo la litoranea Aspra-Mongerbino spiega Cinque –  e ho chiesto più volte di accelerare l’iter per la demolizione di tutti gli edifici abusivi appartenenti o appartenuti a mafiosi.

Il provvedimento è scattato per “Affermare la presenza ed il controllo dello Stato sul territorio. Tutti gli immobili appartenenti alla criminalità devono essere demoliti per primi.

Allo stesso modo – aggiunge Cinque – ho fatto per altri casi simili, per colpire la mafia si deve puntare sul patrimonio attuale”.

E il primo cittadino profila l’ipotesi del reato di falso per alcuni tecnici esterni: “Abbiamo scoperto che alcuni di loro hanno presentato pratiche false, difformi a quelle presenti negli uffici comunali e anche su queste stiamo procedendo”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.