26 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.09
Palermo

Per il vicepresidente del consiglio comunale "la situazione è grave"

Bagheria. Lo Galbo: “Cinque rassegni subito le dimissioni”

27 Febbraio 2018

Il vicepresidente del consiglio comunale di Bagheria, Maurizio Lo Galbo (Nci-Udc),  invoca le dimissioni del sindaco Patrizio Cinque, rinviato a giudizio dalla Procura di Termini Imerese con l’accusa di turbativa d’asta  falso, abuso d’ufficio, rivelazione di segreto d’ufficio e omissione di atti d’ufficio.

“Il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, abbia un sussulto di dignità – dice – e dia subito le dimissioni. Di motivi per farlo ce ne sono tantissimi anche se noi siamo sempre e comunque garantisti: amministrazione a dir poco fallimentare, una situazione giudiziaria imbarazzante, la cacciata dal Movimento 5 Stelle.

Il candidato premier Luigi Di Maio lo ha pure sconfessato pubblicamente e non lo considera più un sindaco pentastellato”. Secondo Lo Galbo ” la situazione politica che si è venuta a creare con il rinvio a giudizio del primo cittadino grillino è grave.

Comprendiamo bene le ragioni vere della defenestrazione di Cinque a pochi giorni dal voto per il rinnovo del Parlamento – aggiunge – con l’esigenza del M5S di apparire immacolato ma pensiamo che Bagheria e i bagheresi meritino maggiore rispetto e considerazione. 

Per questo crediamo che gli elettori debbano riflettere bene su cioò che significherebbe affidare il governo del Paese a un personale politico che ogni giorno dà dimostrazioni di qualunquismo e di incompetenza”. 

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.