24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.17
Palermo

Per il vicepresidente del consiglio comunale "la situazione è grave"

Bagheria. Lo Galbo: “Cinque rassegni subito le dimissioni”

27 Febbraio 2018

Il vicepresidente del consiglio comunale di Bagheria, Maurizio Lo Galbo (Nci-Udc),  invoca le dimissioni del sindaco Patrizio Cinque, rinviato a giudizio dalla Procura di Termini Imerese con l’accusa di turbativa d’asta  falso, abuso d’ufficio, rivelazione di segreto d’ufficio e omissione di atti d’ufficio.

“Il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, abbia un sussulto di dignità – dice – e dia subito le dimissioni. Di motivi per farlo ce ne sono tantissimi anche se noi siamo sempre e comunque garantisti: amministrazione a dir poco fallimentare, una situazione giudiziaria imbarazzante, la cacciata dal Movimento 5 Stelle.

Il candidato premier Luigi Di Maio lo ha pure sconfessato pubblicamente e non lo considera più un sindaco pentastellato”. Secondo Lo Galbo ” la situazione politica che si è venuta a creare con il rinvio a giudizio del primo cittadino grillino è grave.

Comprendiamo bene le ragioni vere della defenestrazione di Cinque a pochi giorni dal voto per il rinnovo del Parlamento – aggiunge – con l’esigenza del M5S di apparire immacolato ma pensiamo che Bagheria e i bagheresi meritino maggiore rispetto e considerazione. 

Per questo crediamo che gli elettori debbano riflettere bene su cioò che significherebbe affidare il governo del Paese a un personale politico che ogni giorno dà dimostrazioni di qualunquismo e di incompetenza”. 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.