24 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.12
Palermo

Abusivismo e intercettazioni

Bagheria, revocato l’obbligo di firma al sindaco Patrizio Cinque

28 Settembre 2017

Il gip di Termini Imerese ha revocato la misura dell’obbligo di firma imposta al sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, che si era autosospeso dal M5S.

La revoca era stata chiesta al termine dell’interrogatorio di garanzia dai legali di Cinque indagato per falso ideologico, violazione del segreto d’ufficio e abuso d’ufficio.

Dopo l’interrogatorio, il sindaco aveva detto di avere chiarito la propria posizione e l’estraneità ai fatti che gli venivano contestati

Patrizio Cinque, che dopo la notifica dell’obbligo di firma si è autosospeso dal M5S, è indagato nell’ambito di una inchiesta che coinvolge 23 persone tra funzionari comunali, un vigile urbano, due imprenditori e l’ex commissario della città metropolitana.

I filoni di indagine vanno da presunte irregolarità nella gestione dei rifiuti, alle procedure amministrative per la gestione del palazzetto dello sport di Bagheria alla vicenda relativa alla casa abusiva del cognato del sindaco.
Dopo un lungo interrogatorio di garanzia in cui Cinque ha cercato di chiarire la sua posizione, i legali, Vincenza Scardina e Antonio Di Lorenzo, hanno chiesto la revoca della misura a cui il pm si è opposto.

Revocati anche l’obbligo di firma per l’ex commissario della città metropolitana Manlio Munafò, difeso dall’avvocato Marcello Montalbano, e la misura interdittiva della sospensione dal lavoro per il vigile urbano Domenico Chiappone, assistito dal legale Salvo Priola.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.