Balena che alza bandiera bianca se non è Dc poco ci manca :ilSicilia.it

Il futuro dei centristi in Sicilia

Balena che alza bandiera bianca se non è Dc poco ci manca

di
13 Novembre 2017

Le parole più gettonate del dopo voto tra i commenti e le analisi,  all’indomani delle elezioni regionali di domenica scorsa, sono state : ‘voto polarizzato ‘ e ‘tenaglia’, per indicare che i due candidati più votati, Musumeci e Cancelleri, hanno staccato tutti gli altri concentrando il voto ‘utile’.

Entrambi non stati espressione di un voto centrista e si sono contesi il risultato, a base di destra, moderata e populista, in una terra dove tre volte su quattro, dal 2001 a oggi aveva vinto un democristiano (2001, 2006, 2008). Il voto centrista c’è stato, presente anche nello schieramento di centrosinistra, ma con risultati inferiori al passato.

L’Udc, individuata dagli elettori con il classico simbolo dello scudocrociato, nel centrodestra ha conseguito l’11% ad Agrigento, l’8% a Trapani, e oltre il 7 a Palermo e Caltanissetta, portando a Sala d’Ercole sei deputati.

Il punto quindi, nella Sicilia dell’ex Democrazia Cristiana, diventa più o meno questo: saranno anni difficili per i partiti di centro? Proseguirà il trend che vuole la destra siciliana in crescita? O ci sarà una metamorfosi, l’ennesima dei partitini che si riaggregheranno per l’ennesima volta, incidendo sulla vita politica siciliana?

Gianpiero D’Alia, big dei Centristi per l’Europa non nasconde le difficoltà: “Bisogna prendere atto dei risultati elettorali con serenità. Abbiamo perso nel modo peggiore possibile. Una riflessione seria si fa volgendo lo sguardo in avanti e non indietro. L’alleanza tra moderati e il Pd rimane la direzione di marcia, l’unica vera alternativa delle destre. Non è un problema di formule. Se il centro moderato viene lateralizzato, il centrosinistra perde”.

Anche Cardinale , leader di Sicilia Futura, nei giorni scorsi aveva evidenziato la necessità di uno spunto più brillante, provando a dare a Raciti una scossa che al momento non ha prodotto effetti.

Alfano invece è completamente sotto attacco, con il partito che rischia la definitiva liquefazione. Alternativa popolare potrebbe seriamente valutare la confluenza in un simbolo più riconoscibile agli elettori, in vista delle politiche.

Difficile dire allora se la politica siciliana abbia scelto i giorni di un epilogo finale per la democristianità in salsa di Trinacria.

Caronia e Lentini, tanto per citare due esempi di deputati che hanno scelto Forza Italia, provengono dalla dimensione centrista. Figuccia invece, andato via dal club forzista ha dato la ripartenza a Palermo all’Udc.

Forse dunque il vero dato sarà la destrutturazione e ricomposizione, più o meno continua, di ‘cespugli’, espressione di centro che, come già è successo in questi anni, si aggregheranno con chi vince. Che poi il voto 5stelle e la presidenza Musumeci non li aiuteranno a crescere nei prossimi anni, è possibile. Ma ancora da dimostrare.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.