Balestrate, centinaia in piazza contro la delocalizzazione della Distilleria Bertolino :ilSicilia.it
Palermo

Le proteste contro l'impianto

Balestrate, centinaia in piazza contro la delocalizzazione della Distilleria Bertolino

25 Settembre 2017

Ieri, domenica 24 Settembre, a Balestrate, si è svolto un corteo con centinaia di presenze per dire no alla delocalizzazione della distilleria Bertolino. Alla manifestazione, nata su impulso del Movimento 5 Stelle di Balestrate – ha fatto seguito la costituzione di un comitato e la sottoscrizione di una petizione e raccolta firme. Una lunga vertenza è in corso tra la città di Partinico e la nota distilleria, vertenza che sembrava avere trovato una soluzione con lo spostamento della fabbrica in contrada Falcone. Ma i dubbi che il nuovo insediamento industriale sia ancora più inquinante sono grandi, anche perché l’area individuata in contrada Falcone, al confine con il territorio di Balestrate, è ritenuta a forte vocazione agricola e il rischio inquinamento del Golfo di Castellammare avrebbe ripercussioni sull’intero comprensorio.

“Il corteo e la petizione rappresentano il primo momento di ‘vera socializzazione’ di un attacco alla vita del nostro territorio – afferma Giuseppe Curcurù, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di Balestrate – “Abbiamo spostato il baricentro dai comitati alle piazze. Il popolo diventa così protagonista di una efferata battaglia contro le prepotenze e gli abusi, in difesa del territorio, dell’economia sostenibile, della salute pubblica. I cittadini del Golfo promuovono l’ “etica della responsabilità” contro il selvaggio strapotere delle politiche antisociali”.

“L’ambiente è una delle 5 stelle del Movimento, – sottolinea Igor Gelarda, portavoce 5 stelle al consiglio comunale di Palermo – e la mia presenza qui è a testimonianza che le lotte per la difesa del territorio sono comuni ed appartengono a tutti noi. Ho apprezzato la presenza nel corteo di esponenti di tutte le forze politiche di Balestrate. Sosterremo sempre ogni battaglia a difesa del territorio e della salute dei cittadini, la responsabilità di Palermo città Metropolitana è alta e la nostra presenza qui intende sottolineare che non è una battaglia solo di balestrate e dei comuni vicini, ma appartiene a ogni siciliano che ama il suo territorio”.

“Diciamo sempre potremmo vivere di turismo ed agricoltura, eppure la politica dei partiti si volta da un’altra parte, come sempre, e autorizza uno stabilimento in un’area fortemente vocata al turismo ed all’agricoltura. La Bertolino va chiusa, garantendo delle alternative lavorative ai dipendenti. Come distretto turistico abbiamo elaborato molti itinerari che attraversano Balestrate, del tutto incompatibili con investimenti industriali. La storia di Termini Imerese racconta come il nostro territorio e la nostra economia non traggono alcun giovamento dalle politiche industriali che non rispettano il territorio”, afferma Giovanni Callea, amministratore delegato uscente del distretto turistico cultura del mare.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.