Ballarò e Ucciardone, Ariosto raccontato dai bambini. Tornano "I Classici in strada" :ilSicilia.it
Palermo

Il tema scelto è quello dell'Orlando furioso

Ballarò e Ucciardone, Ariosto raccontato dai bambini. Tornano “I Classici in strada”

31 Maggio 2017
“Orlando Furioso or The Frenzy of Orlando”, Henry Baron

Tornano “I Classici in strada” con l’ Orlando Furioso, il poema cavalleresco di Ludovico Ariosto che richiama l’Orlando innamorato di Boiardo, pubblicato una ventina di anni prima. “Orlando Furioso. Le donne, le armi e gli amori”, questo il nome scelto per la rassegna che partirà oggi dal Centro Santa Chiara di Ballarò; attraverso le voci dei ragazzi e dei bambini della città, e degli studenti-detenuti, i grandi classici racconteranno le loro storie, in strada, a Palermo, dentro i quartieri storici o all’interno del carcere Ucciardone.

La manifestazione culturale, giunta alla quarta edizione, patrocinata dal Comune di Palermo, è supportata dall’Ufficio Scolastico Regionale-Ambito Territoriale Palermo, dall’Università e da scuole della città di diverso ordine e grado. Il tema dell’anno è L’Orlando Furioso. Le donne, le armi, gli amori, dunque il confronto Oriente-Occidente, la guerra, il dialogo tra religioni, la follia e l’amore. I detenuti dell’Ucciardone lavoreranno sui medesimi temi attraverso la lettura e libera messa in scena del Don Chisciotte di Miguel de Cervantes.

Questo il calendario completo degli appuntamenti: 31 Maggio ore 19 Centro S.Chiara (Ballarò) Orlando Furioso a cura degli studenti dell’Istituto Comprensivo Nuccio/Verga. 5 Giugno ore 19 Giardino delle rose – Viale Lazio. Orlando Furioso a cura degli studenti della Scuola elementare ‘N. Garzilli’ e dell’ Istituto Comprensivo ‘G. Marconi’. 6 Giugno ore 19 Casa di Reclusione Ucciardone Don Chisciotte: sogni di giustizia a cura dei detenuti della casa di Reclusione (Ingressi su invito). 7 Giugno ore 19 Istituto Comprensivo ‘Pino Puglisi’ Via Panzera, 28 (Brancaccio) Orlando Furioso a cura degli studenti Istituto Comprensivo ‘Pino Puglisi’. ore 21 Orlando Furioso, via la Masa (Borgo Vecchio) Gesta fuori di testa – Orlando Furioso a cura degli alunni dell’ Istituto Comprensivo Politeama. 8 Giugno ore 19 piazza Santa Chiara (Ballarò) Teatro Forum “Se il tuo amore è sincero” – spettacolo interattivo sul tema della gelosia. 9 Giugno alle 19 partenza Torre di S. Nicolò (Ballarò) “Ariosto a Ballarò. L’Orlando Furioso” parata e spettacolo Itinerante, a cura degli studenti dei Licei e Istituti superiori Cannizzaro, Catalano, Croce, Garibaldi, Medi, Meli, Umberto, Vittorio Emanuele II, Ragusa Kyhoara. Dipartimento Culture e società. 10 Giugno ore 9.30 Scuole in strada: performance, giochi e letture su l’Orlando Furioso realizzate da docenti e studenti delle scuole in rete.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.