Ballarò, il cane Ulisse trova crack. I carabinieri arrestano un ventitreenne e sequestrano 50mila euro | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la nota

Ballarò, il cane Ulisse trova crack. I carabinieri arrestano un ventitreenne e sequestrano 50mila euro

di
29 Maggio 2020

I Carabinieri della Stazione di Piazza Marina, insieme ai militari del nucleo cinofili di Palermo, nel corso di un servizio antidroga, hanno arrestato S. R. palermitano 23enne, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Durante una perquisizione domiciliare nel quartiere Ballarò, il fiuto del cane Ulisse, pastore tedesco di 8 anni, ha segnalato la presenza di sostanza stupefacente occultata sotto le tegole del tetto attigue alla terrazza di pertinenza.

I militari hanno così rinvenuto diverse buste di plastica, in una erano riposte 95 dosi di crack, mentre nelle altre c’erano banconote per un totale di 47.585 euro.

Il denaro, ritenuto provento dell’attività illecita di spaccio, e la droga sono stati sottoposti a sequestro, sullo stupefacente i Carabinieri del L.A.S.S. del Comando Provinciale eseguiranno le analisi qualitative e quantitative.

Ieri mattina l’autorità giudiziaria ha convalidato, in videoconferenza, l’arresto del 23enne ponendolo agli arresti domiciliari.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.