Ballottaggi, Milazzo (Pd): "Il Partito Democratico quando si presenta col proprio simbolo perde ovunque" :ilSicilia.it

A dirlo l'ex deputata regionale

Ballottaggi, Milazzo (Pd): “Il Partito Democratico quando si presenta col proprio simbolo perde ovunque”

di
13 Maggio 2019

I risultati dei ballottaggi del 12 maggio confermano il trend che già si era manifestato al primo turno: il pd o, meglio, alcune parti del pd, vince solo dove si nasconde dentro liste civiche di varia provenienza, e senza la presenza di rappresentanti istituzionali o politici del partito durante l’intera campagna elettorale” a dirlo è Antonella Milazzo, ex deputata regionale Pd.

Quando si presenta col proprio simbolo e i propri uomini perde ovunque. Spiace leggere dichiarazioni di vittoria da chi dovrebbe riflettere seriamente sul risultato. Credo occorra invece prendere atto della realtà e fare un salutare bagno di umiltà” prosegue la Milazzo.

Solo partendo da un’analisi realista e spietata questo partito potrà riacquistare consenso e ripartire. Solo ripartendo dai temi della vita reale e ricominciando a vivere i territori fuori dalle dorate stanze dei Palazzi, si potrà riaccendere la passione politica” conclude Antonella Milazzo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.