Bambini investiti dal suv a Vittoria: morto anche il piccolo Simone :ilSicilia.it
Ragusa

dopo l'incidente gli erano state amputate le gambe

Bambini investiti dal suv a Vittoria: morto anche il piccolo Simone

di
14 Luglio 2019

Non ce l’ha fatta Simone, il cuginetto di Alessio, falciato dal suv a Vittoria, in provincia di Ragusa. Il bambino è morto oggi. A comunicare il decesso è stato commissario di Vittoria, Filippo Dispenza. Al bimbo erano state amputate le gambe e i medici avevano tentato di tutto per salvarlo, ma le sue condizioni erano apparse subito gravissime.

Alla guida Rosario Greco, il pregiudicato per reati di mafia che conduceva l’auto sotto l’effetto di alcol e cocaina.

IL FUNERALE

Intanto una città intera in lacrime ha reso omaggio oggi al piccolo Alessio. La Chiesa di San Giovanni era stracolma di gente, più di tremila persone almeno, famiglie intere che hanno voluto testimoniare vicinanza e affetto alla famiglia del piccolo Alessio ma anche la risposta civile di una città alle scorribande di criminali che hanno spento la vita di un ragazzino di 11 anni.

A celebrare la messa il vescovo di Ragusa Carmelo Cuttitta che ha ricordato l’insegnamento che la morte di Alessio potrà dare. “Oggi Alessio è con noi – ha detto il Vescovo – e lo sarà sempre. Il suo sacrificio non resti vano“.

LEGGI ANCHE:

Tragedia nel Ragusano: auto falcia due bambini, arrestato guidatore

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.