Banca Carige. Uilca Sicilia: "No alle penalizzazioni dei lavoratori" :ilSicilia.it

L'intervento del sindacato

Banca Carige. Uilca Sicilia: “No alle penalizzazioni dei lavoratori”

8 Gennaio 2019

Prendiamo atto con soddisfazione del Decreto Legge approvato in Consiglio dei Ministri, con il quale lo Stato è intervenuto in soccorso di Banca Carige come già avvenuto in passato per MPS – dichiarano Giuseppe Gargano e Riccardo Ballotta, Segretario Generale e Segretario Regionale UILCA Sicilia.

In Sicilia – proseguono – a seguito della cessione di sportelli ex Banco di Sicilia, ex Sicilcassa ed ex Banca di Roma avvenuta tra il 2007 ed il 2008, la Cassa di Risparmio di Genova ed Imperia ha acquisito dimensioni importanti nell’ambito del settore del credito regionale con più di 60 sportelli e circa 300 lavoratori“.

Oggi Banca Carige in Sicilia conta, a seguito delle razionalizzazioni e degli esodi, 40 filiali e più di 200 lavoratori, che hanno contribuito – grazie alla loro professionalità e nonostante l’incertezza nella quale vivono da diversi mesi – alla tenuta della banca sul mercato grazie alla gestione della clientela giustamente preoccupata a causa delle notizie sull’Istituto”. 

Saremo molto attenti a portare all’attenzione della Segreteria Nazionale e del Coordinamento Aziendale UILCA, le giuste istanze dei lavoratori siciliani di Banca Carige, che non dovranno pagare la cattiva gestione della proprietà, che continuano ad essere il primo patrimonio della banca, e non dovranno essere penalizzati in alcun modo nei prevedibili processi di fusione/incorporazione che interesseranno l’Istituto bancario con mobilità sfrenata, sacrifici salariali o perdita di occupazione“.

La Sicilia ha già pagato e continua a pagare un prezzo elevatissimo a causa della ristrutturazione del settore, e non possiamo permettere alcuna “distrazione” sul credito in Regione, valore determinante per la ripartenza dell’economia siciliana” concludono Gargano e Ballotta.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.