Bancarelle selvagge in via Maqueda, Confcommercio: "Non se ne può più" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

L'AFFONDO DI PATRIZIA DI DIO

Bancarelle selvagge in via Maqueda, Confcommercio: “Non se ne può più” | FOTO

di
16 Agosto 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

“Non se ne può più!”. Inizia così lo sfogo su Facebook della presidente di Confcommercio Palermo, Patrizia Di Dio.

L’imprenditrice nel settore della moda (che è anche alle guida di Federmoda Palermo) dice basta sulla questione dell’emergenza ambulanti abusivi lungo via Maqueda e le altre isole pedonali della città. E lo fa con un lungo post e un reportage fotografico.

Patrizia Di Dio, ConfcommercioLa Grande bruttezza del dilagare di bancarelle abusive lungo i nostri più bei siti monumentali, archeologici, paesaggistici è a dir poco imbarazzante. Si tratta – scrive – per di più, di paccottiglia cinese, articoli importati, contraffatti e illegali. La situazione è da anni fuori controllo e va sempre peggio. Eppure l’obiettivo di decoro urbano impone di contrastare, nelle aree pubbliche aventi particolare valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico, l’esercizio di attività commerciali e artigianali in forma ambulante. La riqualificazione estetica e funzionale dell’habitat cittadino è un bene di primaria importanza. Abbiamo un patrimonio artistico, ambientale, monumentale che è espressione dei valori di civiltà e delle radici etico-culturali proprie della nostra comunità.

Da anni esprimo a gran voce l’urgenza di porre un rimedio al problema: l’immagine della città di Palermo risulta compromessa. Una soluzione da noi richiesta è l’emanazione di una nuova e specifica ordinanza. Al momento infatti l’ordinanza vieta la presenza di venditori ambulanti solamente nelle vie principali e viene di fatto elusa in quanto gli ambulanti stazionano in aree adiacenti a quelle interdette o sfuggono ai controlli. La situazione è divenuta incresciosa, non solo nelle zone del Centro cittadino, ma anche nelle splendide borgate marinare, prese d’assalto dai venditori ambulanti. Per facilitare il controllo e il presidio l’ordinanza va estesa anche a tutta l’area limitrofa”.

Altra richiesta: “Per arginare questo intollerabile fenomeno  – aggiunge – bisogna aumentare e rendere più rigidi i presidi, i controlli e le sanzioni. Anzi farli in maniera efficace! Si tratta prevalentemente di venditori extracomunitari. Chiarisco che sono con convinzione per la cultura di accoglienza che dia nella nostra terra opportunità di lavoro e di vita più serena a gente che fugge da miserie, guerre, tragedie. Ma ciò non può essere a scapito del nostro decoro. E la situazione sembra sfuggita di mano”. 

E conclude il post con gli hashtag#nonsenepuopiù, #lagrandebruttezza, #stopallebancarelle, #vogliounacittàdecorosa, #vogliounacittàpulita, #situazionefuoricontrollo, #decoro, #rispetto, #civiltà.

Insomma, un forte segnale di insofferenza contro i mancati controlli della polizia municipale o un attacco alla Giunta Orlando e e alla pedonalizzazioni fatte di fretta e furia, senza però accompagnarle con provvedimenti di decoro urbano? Non è dato saperlo. Di certo la situazione sembra effettivamente non consona per la quinta città d’Italia che vede anche quest’anno un forte incremento di turisti.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.