Bancarotta fraudolenta, Angelo Niceta assolto con formula piena :ilSicilia.it
Palermo

dal tribunale di palermo

Bancarotta fraudolenta, Angelo Niceta assolto con formula piena

di
9 Dicembre 2019

Angelo Niceta è stato assolto con formula piena dall’accusa di banca rotta fraudolenta. Infatti, questa mattina nell’Aula del tribunale di Palermo presieduta dalla dottoressa Donatella Puleo ha rigettato tutte le accuse partite dall’istanza da parte del parente, Michelangelo Niceta, poi fatte proprie dalla polizia tributaria e dalla Pubblica accusa.

L’imprenditore Niceta, difeso dall’avvocato Ugo Forello, per più di vent’anni è stato il direttore dello storico ed enorme (oltre 3.000 metri quadrati) punto vendita di via Roma (nei pressi della stazione centrale) della Niceta Snc. La società poi fallita e divenuta motivo di conflitto per la famiglia Niceta (fra Onofrio e Angelo, da una parte, e Michelangelo dall’altra).

Per la stessa accusa, nel marzo 2018, il gup di Palermo Wilma Mazzara aveva condannato il padre, Onofrio Niceta, a tre anni di reclusione.

Angelo Niceta è ammesso al programma di protezione quale testimone di giustizia, per via delle sue dichiarazioni sulle frequentazioni mafiose della famiglia.

Parlando con i magistrati della Procura di Palermo, aveva rivelato che lo zio Mario era in affari con il boss di Brancaccio, Giuseppe Guttadauro e che proprio i legami con Cosa nostra convinsero il padre a rompere con il fratello.

Angelo Niceta aveva tirato in ballo anche i cugini Massimo, Piero e Olimpia che, dopo la morte del padre Mario, avevano ereditato il patrimonio finito sotto sequestro nel 2013.

Il patrimonio fu loro restituito nel dicembre 2017 su decisione della Corte d’appello di Palermo. Sul punto, respingendo la richiesta della Procura di blocco del dissequestro, era intervenuta anche la Corte d’appello per le Misure di prevenzione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.