Banche, Bpm chiude 23 filiali. Continua la desertificazione in Sicilia :ilSicilia.it

Virzì (Ugl): "Vampirizzazione dei grandi gruppi del Nord"

Banche, Bpm chiude 23 filiali. Continua la desertificazione in Sicilia

di
7 Aprile 2018

Ci sono paesini della Sicilia sguarniti di sportelli bancari e, anche nei medi e grandi centri dell’Isola, ci sono zone nelle quali bisogna faticare per trovare una filiale. Da qualche anno, infatti, gli istituti di credito hanno deciso di chiudere decine e decine di agenzie ritenute troppo costose. L’ultima in ordine di tempo è la Bpm, la banca nata dalla fusione tra il Banco popolare e la Banca popolare di Milano. Entro il 30 giugno prossimo la sua rete territoriale si ridurrà di 23 unità, passando da 85 a 62.

Più precisamente chiuderanno i battenti 10 filiali in provincia di Catania, 4 in provincia di Palermo, 4 in provincia di Messina, 2 in provincia di Trapani, 2 nel Siracusano e 1 in provincia di Caltanissetta. Ad essere interessati ben 70 impiegati. Che fine faranno? Quale sarà la loro sorte lavorativa non è ancora dato saperlo, visto che l’istituto di credito non ha fornito notizie nè indicazioni. Di certo la chiusura in atto desta non poche preoccupazioni tra i sindacai e i lavoratori.

La notizia della decisione di Bpm arriva nel giorno in cui inizia il processo di accorpamento di 32 agenzie di Banca Nuova, deciso in seguito all’acquisizione della Banca popolare di Vincenza, di cui Banca Nuova fa parte, da parte di Intesa Sanpaolo.

Sulla stessa scia Creval, il Credito Valtellinese, che dopo aver assorbito il Credito Siciliano ha comunicato nel marzo 2017 la chiusura di 5 filiali in prima battuta e altre da chiudere successivamente. A questi ridimensionamenti si aggiungono quelli di Unicredit, che solo nel 2017 è passata da 325 a 291 filiali retail.

I dati pubblicati da Banca d’Italia, nell’ultimo rapporto annuale sulla distribuzione territoriale delle istituzioni creditizie, ci dicono che la Sicilia nel 2017 ha perso due Bcc, 85 sportelli e 1.006 lavoratori, mentre sono saliti ad 89 i comuni sprovvisti di sportello creditizio.

Secondo Filippo Virzì, Portavoce dell’Ugl Sicilia, la desertificazione degli sportelli bancari nell’Isola è conseguenza di decisioni discriminatorie. “Altro che rilancio a partire dal territorio, hanno drenato gli istituti del Nord liquidità per anni e anni e adesso giunti all’osso abbandonano la nostra terra asserendo che gli sportelli hanno una bassa redditività, quindi vanno chiusi. La vampirizzazione della Sicilia si sta perpetrando inesorabilmente con un piano sportelli lacrime e sangue sulla pelle dei lavoratori bancari realizzato con precisione chirurgica dai grandi gruppi bancari presenti in Sicilia”.

Nessun rilancio – spiega Virzì – è previsto nei piani di impresa delle banche presenti in Sicilia per la Sicilia e la mancanza di un istituto tutto siciliano si fa sentire come un assordante debacle, sia per il sistema politico, sia per gli abitanti siciliani, vittime sincronizzate di un sistema bancario che li ha solo penalizzati per via dell’assenza di una reale politica di investimento commerciale e imprenditoriale da parte degli istituti bancari del nord presenti in Sicilia”.

Gabriele Urzì

Per Gabriele Urzì, della First Cisl, “continua la miopia strategica delle banche in un territorio dove già la percentuale di presenza di sportelli bancari è inferiore al resto del Paese. Pur non disconoscendo l’importanza della digitalizzazione, le banche non comprendono che in maniera complementare resta assolutamente necessaria la presenza fisica delle agenzie, soprattutto per l’attività consulenza che sicuramente non può essere scolta dagli Atm automatici”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin