Banche: salvare i posti di lavoro, la Regione approva ordine del giorno :ilSicilia.it

SODDISFATTO CARMELO RAFFA, COORDINATORE DI FABI SICILIA

Banche: salvare i posti di lavoro, la Regione approva ordine del giorno

9 Ottobre 2019

Il coordinatore della FABI Sicilia, Carmelo Raffa, esprime soddisfazione del risultato ottenuto a proposito del problema della chiusura delle filiali delle banche nei comuni siciliani, della diminuzione degli organici e della conseguente perdita di posti di lavoro in Sicilia.

“Nella seduta di martedì 8 ottobre, –  afferma Raffa,  – l’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato l’ordine del giorno che porta in testa la firma del capogruppo Giuseppe Lupo, seguita da quella di tutti i parlamentari dello stesso partito, e l’ ordine del giorno presentato dal capogruppo di “Diventerà bellissima”, Alessandro Aricò.

Il documento, approvato all’unanimità e fatto proprio dal Governo rappresentato in Aula dal Vice Presidente e Assessore all’Economia Gaetano Armao, recita: << L’assemblea regionale siciliana impegna il governo della regione ad adottare ogni iniziativa idonea allo scopo di scongiurare che le scelte di riorganizzazione aziendale, poste in essere dai vertici degli istituti di credito , possano determinare licenziamenti al fine pertanto di salvaguardare i livelli occupazionali e, contestualmente tutelare una presenza organizzata e funzionale alla crescita e al mantenimento dell’apparato produttivo in sinergia con il settore del credito diffuso sul territorio>>.

Nel ringraziare tutte le forze politiche, – conclude il sindacalista della FABI – presenti all’Ars, che hanno dimostrato il pieno sostegno alle iniziative portate avanti dalla FABI e dagli altri sindacati del settore credito a sostegno della categoria, continueremo la nostra battaglia affinché al più presto si superino le discriminazioni delle banche nei confronti dei lavoratori, dei disoccupati e del popolo siciliano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.