Banche: salvare i posti di lavoro, la Regione approva ordine del giorno :ilSicilia.it

SODDISFATTO CARMELO RAFFA, COORDINATORE DI FABI SICILIA

Banche: salvare i posti di lavoro, la Regione approva ordine del giorno

di
9 Ottobre 2019

Il coordinatore della FABI Sicilia, Carmelo Raffa, esprime soddisfazione del risultato ottenuto a proposito del problema della chiusura delle filiali delle banche nei comuni siciliani, della diminuzione degli organici e della conseguente perdita di posti di lavoro in Sicilia.

“Nella seduta di martedì 8 ottobre, –  afferma Raffa,  – l’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato l’ordine del giorno che porta in testa la firma del capogruppo Giuseppe Lupo, seguita da quella di tutti i parlamentari dello stesso partito, e l’ ordine del giorno presentato dal capogruppo di “Diventerà bellissima”, Alessandro Aricò.

Il documento, approvato all’unanimità e fatto proprio dal Governo rappresentato in Aula dal Vice Presidente e Assessore all’Economia Gaetano Armao, recita: << L’assemblea regionale siciliana impegna il governo della regione ad adottare ogni iniziativa idonea allo scopo di scongiurare che le scelte di riorganizzazione aziendale, poste in essere dai vertici degli istituti di credito , possano determinare licenziamenti al fine pertanto di salvaguardare i livelli occupazionali e, contestualmente tutelare una presenza organizzata e funzionale alla crescita e al mantenimento dell’apparato produttivo in sinergia con il settore del credito diffuso sul territorio>>.

Nel ringraziare tutte le forze politiche, – conclude il sindacalista della FABI – presenti all’Ars, che hanno dimostrato il pieno sostegno alle iniziative portate avanti dalla FABI e dagli altri sindacati del settore credito a sostegno della categoria, continueremo la nostra battaglia affinché al più presto si superino le discriminazioni delle banche nei confronti dei lavoratori, dei disoccupati e del popolo siciliano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.