Banda ultra larga in Sicilia, a Palermo la presentazione del "Digital day" :ilSicilia.it
Palermo

a villa niscemi

Banda ultra larga in Sicilia, a Palermo la presentazione del “Digital day”

di
1 Ottobre 2018

Banda ultra larga in Sicilia, Data center regionale, digitalizzazione dei musei, Sportello digitale per il cittadino, cartella clinica e fascicolo sanitario elettronico. Sono solo alcuni degli interventi previsti dall’Agenda digitale siciliana che verranno illustrati durante il Digital day:  domani, alle 10, a Villa Malfitano.

La giornata affronterà le politiche regionali per la trasformazione digitale dell’Isola. In particolare, si discuterà del ruolo strategico della banda ultra larga in Sicilia, con il contributo di Infratel e Open Fiber, a partire dallo stato di avanzamento dei cantieri nei 390 Comuni.

musumeciAd aprire i lavori il presidente, Nello Musumeci e il vicepresidente della Regione siciliana Gaetano Armao. Introdurrà il convegno Maurizio Pirillo, dirigente generale dell’Autorità regionale Innovazione tecnologica, presiederà Riccardo Savona, presidente della commissione Bilancio dell’Ars.

Interverranno: Domenico Tudini, amministratore delegato di Infratel, Stefano Paggi di Open Fiber, Mario Alvano, segretario generale Anci Sicilia e Valerio Mele, coordinatore territoriale Anas Sicilia. Concluderà la prima sessione Bernadette Grasso, assessore regionale alle Autonomie locali e alla funzione pubblica.

Nel pomeriggio, la sessione “La strategia nazionale e regionale del digitale” sarà coordinata da Serafino Sorrenti, consulente regionale in materia digitale.

Dopo i saluti del presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, sono previsti gli interventi di Sebastiano Callari, assessore regionale ai Sistemi informativi del Friuli Venezia Giulia e coordinatore del Comitato delle Regioni, dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, di Cosimo Comella, Garante per la protezione dei dati personali, Daniela Maria Intravaia dell’Agenzia per l’Italia digitale e di Giuseppe Lo Re, docente di Ingegneria informatica all’Ateneo di Palermo.

Dopo un coffee break, la tavola rotonda sarà coordinata dal giornalista Giovanni Pepi. Interverranno: Elio Catania, presidente di Confindustria digitale, Salvatore Malandrino, regional manager di Unicredit, Fabio Fregi, country manager di Google Italia, Silvia Candiani, country manager di Microsoft Italia, Renato Di Donna, responsabile divisione progetti per la pubblica amministrazione di Consip, Emanuele Spampinato, vicepresidente di Assintel, Maria Astone, presidente Corecom Sicilia, Luigi Di Chiara, responsabile regionale di Rai Way, Francesco Caizzone, presidente Dih Sicilia, Andrea Falessi, direttore relazioni estere Open Fiber, Massimo Dell’Utri, amministratore di Sicilia Digitale e Francesco Benvegna del servizio Informatica dell’Ars. Concluderà i lavori il vicepresidente della Regione, Gaetano Armao.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.