Bankitalia fotografa il disastro lockdown per i comuni siciliani: "Entrate ridotte del 48%" :ilSicilia.it

Il report

Bankitalia fotografa il disastro lockdown per i comuni siciliani: “Entrate ridotte del 48%”

di
22 Giugno 2020

Nel 2020 gli equilibri di bilancio dei Comuni siciliani risentiranno degli effetti connessi all’emergenza sanitaria” determinata dal coronavirus. Lo si legge nel report redatto dalla sede Bankitalia di Palermo che ha scattato la fotografia sull’andamento dell’economia regionale. Secondo il documento presentato oggi “a fronte di spese in gran parte incomprimibili, gli enti si sono trovati a fronteggiare uno slittamento degli incassi, con effetti negativi sulla situazione di liquidità, a cui si sono associate perdite di gettito“.

Gli effetti della pandemia, quindi, hanno messo “sotto pressione” i bilanci dei Comuni costretti a fronteggiare “maggiori spese necessarie a fronteggiare l’emergenza e, soprattutto, il calo delle entrate“. Larga parte delle entrate proprie correnti risente, infatti, del blocco delle attività disposto per limitare il contagio e delle misure di esenzione a favore delle categorie di contribuenti maggiormente colpite dalla crisi.

Entrando nel dettaglio degli enti locali siciliani, Banca d’Italia evidenzia che per per i Comuni siciliani, escludendo il primo bimestre dell’anno che non è stato influenzato dalla crisi, “le entrate tributarie ed extra tributarie che possono subire un calo a causa del lockdown rappresentano il 48% delle entrate correnti annue“: un valore inferiore a quello medio nazionale, che si attesta sul 60%. Tra le entrate tributarie, le principali voci potenzialmente a rischio di perdite sono l’Imu, la tassa sui rifiuti (Tari) e l’addizionale Irpef. Bankitalia fa anche una stima, basata su dati Siope relativi al triennio 2017-2019: per i comuni siciliani la perdita che si è già determinata ammonterebbe a circa 114 milioni, di cui 59,3 per minori entrate tributarie e 54,9 per il calo di quelle extra tributarie.

La crisi economica dovuta al coronavirus in Sicilia vedrà “esposto” soprattutto il settore del turismo. Lo prevede il report sull’andamento dell’economia regionale redatto dalla sede di Palermo della Banca d’Italia. Il comparto turistico, “che negli ultimi anni – si legge sul report – ha sostenuto la dinamica dei servizi, è uno dei più esposti alla crisi, anche in ragione della dipendenza dalla domanda estera e dei tempi necessari a ripristinare la fiducia dei viaggiatori che amplificheranno le difficoltà delle imprese per la stagione estiva 2020“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin