17 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.38
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

Al via la settimana antiproibizionista del noto locale cittadino

Bar Garibaldi: “Spinello gratis a chi acquista un cocktail”

20 giugno 2017

Il bar Garibaldi di via Alessandro Paternostro 46, noto per i suoi sempre particolari e mai banali eventi, torna a far parlare di sé e lancia un nuovo evento destinato a creare scalpore in città.

Da venerdì 23 a giovedì 30 giugno si terranno degli incontri di approfondimento sul tema della legalizzazione e soprattutto, il bar offrirà uno spinello a tutti coloro – si legge – “che vorranno provare il nostro cocktail verde”.

La questione, affrontata provocatoriamente dai due proprietari Davide Ficarra e Annibale Cangemi, riguarda le politiche di liberalizzazione delle droghe leggere e quindi il consumo di canapa e derivati. Per questa ragione nasce la settimana antiproibizionista del Bar Garibaldi.


Son passati quasi venti anni dalla prima joint parade tenutasi a Palermo nel 1999, – spiega Davide Ficarra uno dei fondatori del famoso bar del centro storico – venti anni in cui al moltiplicarsi delle pratiche di liberazione con un boom delle autoproduzioni, solo a Palermo ci sono almeno 5 growshop specializzati nella vendita di semi, ad un’affermarsi di una cultura libertaria attorno al consumo di canapa e derivati, la maggioranza della popolazione è favorevole alla legalizzazione, allo sdoganamento dell’uso farmaceutico della canapa anche se ancora a prezzi proibitivi, alla legalizzazione in Colorado, Uruguay ed adesso in Canada, governo ed istituzioni italiane sono rimaste quasi del tutto sorde“.

Un’iniziativa provocatoria, specificano i due, per riaccendere dibattito ed attenzione attorno ad un tema che riguarda milioni di persone nel nostro Paese e decine di migliaia nella nostra città. Gli spinelli omaggiati saranno di canapa legale (senza thc, ndr).

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.