Bar Sicilia a Cinisi racconta Peppino Impastato col fratello Giovanni CLICCA E GUARDA IL VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 170

Bar Sicilia a Cinisi racconta Peppino Impastato col fratello Giovanni CLICCA E GUARDA IL VIDEO

di
3 Ottobre 2021

CLICCA E GUARDA IL VIDEO

Una puntata speciale al numero 170 di Bar Sicilia, che approda a Cinisi per raccontare la storia, i luoghi, la militanza e il travaglio familiare di Peppino Impastato e di Felicia Bartolotta, la mamma del giovane ucciso dalla mafia il 9 maggio del 1978. Ad accompagnare in questo percorso ideale il direttore responsabile de ilSicilia.it Manlio Melluso e il direttore editoriale Maurizio Scaglione, il fratello di Peppino Impastato, Giovanni, che ha ospitato la trasmissione nei locali della Casa Memoria dedicata a Peppino e Felicia.

Si comincia parlando dell’ultimo libro di Giovanni Impastato, “Mio fratello. Tutta una vita con Peppino”: un volume in cui viene ripercorsa tutta la vita familiare e in particolare il rapporto tra i fratelli, senza reticenze né sentimentalismi: “Questo libro non toglie nulla a tutto il lavoro che è stato fatto su Peppino, però aggiunge qualcosa: si tratta si episodi inediti, non conosciuti dal grande pubblico. C’è l’infanzia e ci sono alcuni particolari importanti. Io alcune cose le volevo portare con me, poi ci ho ripensato: tutto si deve conoscere di Peppino, soprattutto i giovani”.

Casa Memoria è tappa di una sorta di pellegrinaggio dell’antimafia, a Cinisi arrivano in tanti a conoscere la storia di Peppino Impastato e di Felicia Bartolotta: “L’emozione dei visitatori è proprio tanta, tantissima. Restano affascinati da questa storia, perché non è una storia che appartiene soltanto a noi, alla nostra famiglia, alla nostra regione o al nostro Paese. E’ una storia condivisa, che appartiene a tutti. Non solo: all’interno di questa storia viene fuori un messaggio che non è soltanto un messaggio di lotta, di impegno civile, di studio o di analisi, ma è un messaggio educativo soprattutto per le nuove generazioni”.

A questo punto Giovanni Impastato parla delle calunnie contro Peppino Impastato, ma anche delle difficoltà che si trova ad affrontare ancora oggi per portare avanti l’attività antimafia e quella di famiglia: “Le calunnie sono iniziate con Peppino e noi abbiamo sofferto tantissimo, perché l’hanno considerato inizialmente un terrorista. Poi sono continuate con noi, con i compagni, con gli amici. Dopo c’è stato l’isolamento da parte dello Stato e delle istituzioni perché c’è stato un periodo che i nostri nemici non erano soltanto i mafiosi, ma erano anche le istruzioni che cercavano di diffamare Peppino e farlo passare per terrorista. Le calunnie continuano ancora, le diffamazioni nei confronti del nostro impegno, della nostra attività“.

Gli occhi di Giovanni, adesso, si illuminano: si parla di sua madre, Felicia Bartolotta, la donna che ha lottato per restituire verità e giustizia a suo figlio Peppino, assassinato dalla mafia: “Era un essere umano veramente straordinario. Non era una donna colta, ma era molto sensibile. Era lei che ci spronava, che ci incoraggia ad andare avanti quando eravamo delusi o preoccupati. L’idea di Casa memoria è stata sua: l’impegno che ha portato avanti è stato notevole, ha iniziato a parlare con i giornalisti, con i giudici. Era una donna che non si rassegnava fino alla fine, fino all’ultimo ha seguito tutta la vicenda giudiziaria. Una lezione di vita è stata quando si è presentata nelle ultime udienze al tribunale Palermo, durante il dibattimento, e ha puntato il dito contro Gaetano Badalamenti, che poi è stato condannato come mandante dell’omicidio, e ha pronunciato questa frase: ‘Sei stato tu a uccidere mio figlio’. Una denuncia forte, pesante. Però in quella frase che non venivano fuori sentimenti di odio o di vendetta e nemmeno di rancore: quella donna era tranquilla. Serena“.

Diversa la storia del padre di Peppino e Giovanni, anche se quest’ultimo dà una chiave di lettura inedita del la figura del genitore: “Mio padre era un mafioso, noi lo abbiamo sempre detto, faceva parte del clan di Cesare Manzella. Mio padre ha ripudiato Peppino, lo ha buttato fuori di casa perché lo considerava un eretico, un comunista, uno che non si poteva permettere di parlare male dei suoi amici mafiosi. Però era una persona molto contraddittoria: lui quando viene a sapere che Cosa Nostra aveva deciso l’assassino di Peppino, si reca negli Stati Uniti in cerca di protezione per il figlio. E in quel momento cambia qualcosa. Non abbiamo più il mafioso, ma c’è l’uomo, il padre di famiglia che tenta di salvare il figlio“.

Giovanni Impastato parla anche di Antimafia, e distingue antimafia vera e di carrierismo, e il suo ragionamento lo conclude con una postilla: “Io ho rifiutato tante occasioni per dedicarmi interamente alla causa partendo dal basso, dalle radici. Sono stato anche attaccato però non ho mai fatto la vittima. A me non piacciono quelle persone che si trincerano sotto l’emblema della legalità, dell’antimafia, per poi fare carriera e commettere tutta la serie di porcherie. Io ho cercato in tutti i modi di rifiutare tutto questo perché non è un mondo che mi appartiene: io voglio stare qui a Casa Memoria a raccontare la storia di Peppino, a ricordare mia madre, andare in giro a scrivere. Io ho dato tanto tantissimo in questa storia, in tutta questa attività che ho portato avanti durante tutti questi anni, però ho ricevuto molto di più“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin