"Bar Sicilia" a Portella della Ginestra con chi sopravvisse alla strage del 1° maggio '47 | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

“Bar Sicilia” a Portella della Ginestra con chi sopravvisse alla strage del 1° maggio ’47 | VIDEO

di
28 Aprile 2019

 

Guarda in alto il video della 60ª puntata

Per questa sessantesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizo Scaglione, siamo venuti a Portella della Ginestra, a pochi chilometri da Piana degli Albanesi, dove il 1° maggio del 1947 la Banda Giuliano sparò contro la gente riunitasi qui per celebrare la Festa del Lavoro, uccidendo undici persone e ferendone ventisette, tre delle quali morirono nei giorni successivi.

La strage di Portella della Ginestra fu la prima del dopoguerra e da quel giorno scattarono numerosi depistaggi, arrivati fino ai nostri giorni: un eccidio mafioso contro povera gente venuta dalle campagne circostanti, da Piana, San Cipirello e San Giuseppe Jato, per fare festa e celebrare i diritti dei lavoratori. Abbiamo voluto parlare di quella giornata con Serafino Petta, oggi ottantottenne e sopravvissuto all’eccidio, ma anche con Francesco Petrotta, che sull’argomento ha scritto diversi libri, con Ornella Salerno, dell’associazione familiari delle vittime, che a Portella ha perso suo zio, e con Pino Apprendi, presidente dell’associazione Antigone ed esponente politico siciliano.

La testimonianza di Petta è particolarmente preziosa, perchè ricostruisce i concitati attimi di quel giorno: “Eravamo qui per celebrare il 1° maggio, quasi duemila persone. Dopo che il segretario della Camera del Lavoro di San Giuseppe Jato incominciò a parlare si udirono i primi spari; all’inizio credemmo che fossero i botti della festa, ma poi capimmo che non lo erano. Ci fu grande confusione, con gente che fuggiva da ogni parte e che si gettava per terra. Io mi trovavo a una ventina di metri dalla pietra dove c’era il podio per il comizio e accanto a me c’era un ragazzo, Serafino Lascari, che venne colpito e morì”. Petta nel 1947 aveva sedici anni, il ragazzo che cadde sotto il piombo mafioso accanto a lui ne aveva quindici.

“Prima avevo visto mio padre che era sul podio – aggiunge – e provai a raggiungerlo, ma non lo trovai. Per terra vidi due donne, madre e figlia. La figlia era incinta ed era ferita mentre la madre era morta. Poi mi misi a correre per mettermi in salvo e mi nascosi in una buca. Fummo fortunati e appena fu possibile tornammo a Piana”. 

Guarda in alto il video della 60ª puntata

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.