"Bar Sicilia" a Portella della Ginestra con chi sopravvisse alla strage del 1° maggio '47 | VIDEO :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

“Bar Sicilia” a Portella della Ginestra con chi sopravvisse alla strage del 1° maggio ’47 | VIDEO

28 Aprile 2019

 

Guarda in alto il video della 60ª puntata

Per questa sessantesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizo Scaglione, siamo venuti a Portella della Ginestra, a pochi chilometri da Piana degli Albanesi, dove il 1° maggio del 1947 la Banda Giuliano sparò contro la gente riunitasi qui per celebrare la Festa del Lavoro, uccidendo undici persone e ferendone ventisette, tre delle quali morirono nei giorni successivi.

La strage di Portella della Ginestra fu la prima del dopoguerra e da quel giorno scattarono numerosi depistaggi, arrivati fino ai nostri giorni: un eccidio mafioso contro povera gente venuta dalle campagne circostanti, da Piana, San Cipirello e San Giuseppe Jato, per fare festa e celebrare i diritti dei lavoratori. Abbiamo voluto parlare di quella giornata con Serafino Petta, oggi ottantottenne e sopravvissuto all’eccidio, ma anche con Francesco Petrotta, che sull’argomento ha scritto diversi libri, con Ornella Salerno, dell’associazione familiari delle vittime, che a Portella ha perso suo zio, e con Pino Apprendi, presidente dell’associazione Antigone ed esponente politico siciliano.

La testimonianza di Petta è particolarmente preziosa, perchè ricostruisce i concitati attimi di quel giorno: “Eravamo qui per celebrare il 1° maggio, quasi duemila persone. Dopo che il segretario della Camera del Lavoro di San Giuseppe Jato incominciò a parlare si udirono i primi spari; all’inizio credemmo che fossero i botti della festa, ma poi capimmo che non lo erano. Ci fu grande confusione, con gente che fuggiva da ogni parte e che si gettava per terra. Io mi trovavo a una ventina di metri dalla pietra dove c’era il podio per il comizio e accanto a me c’era un ragazzo, Serafino Lascari, che venne colpito e morì”. Petta nel 1947 aveva sedici anni, il ragazzo che cadde sotto il piombo mafioso accanto a lui ne aveva quindici.

“Prima avevo visto mio padre che era sul podio – aggiunge – e provai a raggiungerlo, ma non lo trovai. Per terra vidi due donne, madre e figlia. La figlia era incinta ed era ferita mentre la madre era morta. Poi mi misi a correre per mettermi in salvo e mi nascosi in una buca. Fummo fortunati e appena fu possibile tornammo a Piana”. 

Guarda in alto il video della 60ª puntata

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.