'Bar Sicilia', Antoci e l'attentato: "Mi sarei aspettato che Fava dicesse 'Abbiamo sbagliato'" | VIDEO :ilSicilia.it

Puntata numero 121

‘Bar Sicilia’, Antoci e l’attentato: “Mi sarei aspettato che Fava dicesse ‘Abbiamo sbagliato'” | VIDEO

di
26 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A Bar Sicilia, per la puntata numero 121 della trasmissione de ilSicilia.it, ospite di Manlio Melluso e Maurizio Scaglione il presidente onorario della Fondazione Antonino Caponnetto Giuseppe Antoci, che da Presidente del Parco dei Nebrodi ha fatto approvare il cosiddetto ‘Protocollo Antoci’ e che nel maggio del 2016 fu vittima di un attentato del quale si è molto parlato.

Antoci accoglie la decisione del gip, – che ha archiviato l’indagine bis sui dubbi della natura dell’attentato subito, nata sotto stimolo della commissione regionale Antimafia – con soddisfazione, ma non nasconde una certa amarezza per le vicissitudini che ha dovuto affrontare: “Ho vissuto questi giorni in maniera triste, per certi versi – ha detto – Non mi ha fatto piacere dover vedere definire ‘elucubrazioni mentali’ le tesi dell’Antimafia regionale, mi addolora. Come mi addolora vedere invitato il Presidente della commissione regionale Antimafia (Claudio Fava, ndr) a non attaccare i magistrati“.

Un giudizio molto critico quello di Antoci sul comportamento di Fava: “Ho la sensazione che si voglia essere per forza i detentori della verità. Allora c’è un problema, non vorrei che ci fosse qualcuno che vuole fare il professore ma non si accorge che gli alunni pensano che quel professore mette in atto atteggiamenti strani. Mi aspettavo che Claudio Fava dicesse ‘Abbiamo sbagliato’“, sono le parole dell’ex Presidente del Parco dei Nebrodi.

Dopo l’archiviazione, dunque, Antoci può ritenersi soddisfatto. Anzi no: “Se c’è stato qualcuno che ha portato avanti un tentativo di delegittimazione – afferma -, se sono stati compiuti dei reati in tal senso, questi devono essere perseguiti alla stessa stregua di quelli commessi da chi quella notte ci ha sparato addosso“. Poi ancora una battuta su Fava: “Ho dovuto ascoltare che diceva ‘non credo che la mafia nutra risentimento (nei confronti di Antoci, ndr), anzi se ne frega. Io intanto stavo morendo ammazzato“. Nessun rancore verso i commissari dell’Antimafia regionale: “Non c’è l’ho con loro“, dice Antoci. Fatta eccezione per Nicola D’Agostino: “Mentre raccontavo dell’attentato ha riso“, è il racconto di Antoci.

Infine una battuta sul Pd e sulla dirigenza del partito: “Con Zingaretti ho un forte rapporto consolidato nel tempo“. E il neo-segretario siciliano Anthony Barbagallo? “Può fare bene“, dice Antoci.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin