'Bar Sicilia', Antoci e l'attentato: "Mi sarei aspettato che Fava dicesse 'Abbiamo sbagliato'" | VIDEO :ilSicilia.it

Puntata numero 121

‘Bar Sicilia’, Antoci e l’attentato: “Mi sarei aspettato che Fava dicesse ‘Abbiamo sbagliato'” | VIDEO

di
26 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A Bar Sicilia, per la puntata numero 121 della trasmissione de ilSicilia.it, ospite di Manlio Melluso e Maurizio Scaglione il presidente onorario della Fondazione Antonino Caponnetto Giuseppe Antoci, che da Presidente del Parco dei Nebrodi ha fatto approvare il cosiddetto ‘Protocollo Antoci’ e che nel maggio del 2016 fu vittima di un attentato del quale si è molto parlato.

Antoci accoglie la decisione del gip, – che ha archiviato l’indagine bis sui dubbi della natura dell’attentato subito, nata sotto stimolo della commissione regionale Antimafia – con soddisfazione, ma non nasconde una certa amarezza per le vicissitudini che ha dovuto affrontare: “Ho vissuto questi giorni in maniera triste, per certi versi – ha detto – Non mi ha fatto piacere dover vedere definire ‘elucubrazioni mentali’ le tesi dell’Antimafia regionale, mi addolora. Come mi addolora vedere invitato il Presidente della commissione regionale Antimafia (Claudio Fava, ndr) a non attaccare i magistrati“.

Un giudizio molto critico quello di Antoci sul comportamento di Fava: “Ho la sensazione che si voglia essere per forza i detentori della verità. Allora c’è un problema, non vorrei che ci fosse qualcuno che vuole fare il professore ma non si accorge che gli alunni pensano che quel professore mette in atto atteggiamenti strani. Mi aspettavo che Claudio Fava dicesse ‘Abbiamo sbagliato’“, sono le parole dell’ex Presidente del Parco dei Nebrodi.

Dopo l’archiviazione, dunque, Antoci può ritenersi soddisfatto. Anzi no: “Se c’è stato qualcuno che ha portato avanti un tentativo di delegittimazione – afferma -, se sono stati compiuti dei reati in tal senso, questi devono essere perseguiti alla stessa stregua di quelli commessi da chi quella notte ci ha sparato addosso“. Poi ancora una battuta su Fava: “Ho dovuto ascoltare che diceva ‘non credo che la mafia nutra risentimento (nei confronti di Antoci, ndr), anzi se ne frega. Io intanto stavo morendo ammazzato“. Nessun rancore verso i commissari dell’Antimafia regionale: “Non c’è l’ho con loro“, dice Antoci. Fatta eccezione per Nicola D’Agostino: “Mentre raccontavo dell’attentato ha riso“, è il racconto di Antoci.

Infine una battuta sul Pd e sulla dirigenza del partito: “Con Zingaretti ho un forte rapporto consolidato nel tempo“. E il neo-segretario siciliano Anthony Barbagallo? “Può fare bene“, dice Antoci.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.