'Bar Sicilia', Antoci e l'attentato: "Mi sarei aspettato che Fava dicesse 'Abbiamo sbagliato'" | VIDEO :ilSicilia.it

Puntata numero 121

‘Bar Sicilia’, Antoci e l’attentato: “Mi sarei aspettato che Fava dicesse ‘Abbiamo sbagliato'” | VIDEO

di
26 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A Bar Sicilia, per la puntata numero 121 della trasmissione de ilSicilia.it, ospite di Manlio Melluso e Maurizio Scaglione il presidente onorario della Fondazione Antonino Caponnetto Giuseppe Antoci, che da Presidente del Parco dei Nebrodi ha fatto approvare il cosiddetto ‘Protocollo Antoci’ e che nel maggio del 2016 fu vittima di un attentato del quale si è molto parlato.

Antoci accoglie la decisione del gip, – che ha archiviato l’indagine bis sui dubbi della natura dell’attentato subito, nata sotto stimolo della commissione regionale Antimafia – con soddisfazione, ma non nasconde una certa amarezza per le vicissitudini che ha dovuto affrontare: “Ho vissuto questi giorni in maniera triste, per certi versi – ha detto – Non mi ha fatto piacere dover vedere definire ‘elucubrazioni mentali’ le tesi dell’Antimafia regionale, mi addolora. Come mi addolora vedere invitato il Presidente della commissione regionale Antimafia (Claudio Fava, ndr) a non attaccare i magistrati“.

Un giudizio molto critico quello di Antoci sul comportamento di Fava: “Ho la sensazione che si voglia essere per forza i detentori della verità. Allora c’è un problema, non vorrei che ci fosse qualcuno che vuole fare il professore ma non si accorge che gli alunni pensano che quel professore mette in atto atteggiamenti strani. Mi aspettavo che Claudio Fava dicesse ‘Abbiamo sbagliato’“, sono le parole dell’ex Presidente del Parco dei Nebrodi.

Dopo l’archiviazione, dunque, Antoci può ritenersi soddisfatto. Anzi no: “Se c’è stato qualcuno che ha portato avanti un tentativo di delegittimazione – afferma -, se sono stati compiuti dei reati in tal senso, questi devono essere perseguiti alla stessa stregua di quelli commessi da chi quella notte ci ha sparato addosso“. Poi ancora una battuta su Fava: “Ho dovuto ascoltare che diceva ‘non credo che la mafia nutra risentimento (nei confronti di Antoci, ndr), anzi se ne frega. Io intanto stavo morendo ammazzato“. Nessun rancore verso i commissari dell’Antimafia regionale: “Non c’è l’ho con loro“, dice Antoci. Fatta eccezione per Nicola D’Agostino: “Mentre raccontavo dell’attentato ha riso“, è il racconto di Antoci.

Infine una battuta sul Pd e sulla dirigenza del partito: “Con Zingaretti ho un forte rapporto consolidato nel tempo“. E il neo-segretario siciliano Anthony Barbagallo? “Può fare bene“, dice Antoci.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti