'Bar Sicilia' da Siracusa con Edy Bandiera e Giuseppe Rosano: "Turismo e agricoltura, economie integrate" | VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 118

‘Bar Sicilia’ da Siracusa con Edy Bandiera e Giuseppe Rosano: “Turismo e agricoltura, economie integrate” | VIDEO

di
5 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Location d’eccezione per la puntata numero 118 di Bar Sicilia, la trasmissione de ilSicilia.it condotta da Manlio Melluso e Maurizio Scaglione. Dall’area marina protetta del Plemmirio, a Siracusa, il presidente di Noi Albergatori Siracusa Giuseppe Rosano e l’assessore regionale all’Agricoltura Edy Bandiera, nel resort La Rosa sul Mare, hanno sviscerato diversi argomenti: dal turismo all’agricoltura, dall’economia post coronavirus al territorio, fino alle infrastrutture siciliane.

Edy Bandiera

Ma prima di tutto era doveroso raccontare il territorio che ha ospitato la puntata. A farlo ci ha pensato l’assessore Bandiera: “Un luogo certamente meraviglioso, dalla storia millenaria – ha detto di Siracusa Bandiera, entrando poi nel particolare della riserva del PlemmirioUna delle aree marine protette più belle d’Italia. Qui si può e si deve venire a fare turismo, con la consapevolezza che si può fare un turismo balneare-ricreativo, ma anche artistico, archeologico, culturale e, perché no, religioso. La nostra storia – tornando a Siracusa – è plurimillenaria legata proprio alle origini del Cristianesimo: penso alle nostre catacombe di San Givanni o di Vigna Cassia. A Siracusa bisogna venire anche ai tempi del Covid, perché c’è tanto da fare e da vedere e, lasciatemelo dire da Assessore all’Agricoltura e alla Pesca, tanto da degustare. Abbiamo il dovere di generare valore aggiunto attorno alle nostre produzioni legandole al territorio in termini di clima, di ambiente, di odori, di sapori e di colori“.

A Bandiera fa eco Rosano: “Fra Agricoltura e turismo ci sono delle affinità antropologiche, e quindi devono andare necessariamente a braccetto – ha detto il presidente di Noi albergatori Siracusa – Abbiamo lo stesso messaggio da tramandare ai giovani, quello di far capire loro che possono restare in Sicilia perché ci sono le possibilità affinché possano proiettare il loro futuro nella nostra terra, e non andarlo a cercare al di fuori dei suoi confini. Molti giovani si stanno adoperando nell’agricoltura e molti si stanno affacciando al turismo. E’ un buon segno”.

Giuseppe Rosano

Quello tra turismo e agricoltura non è soltanto un modo per avviare circoli virtuosi a vantaggio del territorio, insomma, ma una vera e propria opportunità imprenditoriale caratterizzata dall’innovazione: “Nei decenni scorsi – ha spiegato Bandiera – la classe dirigente ha puntato su un modello sviluppo errato. Una visione moderna di sviluppo, attuale, lucida, mette al centro agricoltura e turismo”, ha detto l’assessore, che ha rivendicato i risultati dell’esecutivo regionale per rilanciare questo tipo di crescita legata alle attività del territorio : “Il nostro governo ha dato un’accelerazione alla spesa comunitaria ‘ordinaria’: abbiamo raggiunto gli obiettivi di spesa che ci ha dato l’Unione Europea per quel che concerne agricoltura e pesca. Abbiamo già erogato agli agricoltori in due anni e mezzo 561 milioni. Sul Covid abbiamo fatto un lavoro importante”.

Questo per quel che concerne il governo regionale. Contro l’esecutivo nazionale, invece, punta il dito  Rosano: “Il governo avrebbe dovuto lanciare un messaggio ben preciso: in Italia gli alberghi sono sicuri e possono dare la garanzia di un soggiorno tranquillo. Ancora ci sono perplessità da parte di turisti italiani e stranieri che hanno timore di viaggiare in Italia e soprattutto di soggiornate nei nostri alberghi perché ritengono non siano sicuri, mentre noi abbiamo messo in atto tutte le azioni per fornire questa sicurezza“. A questo punto il presidente di Noi Albergatori Siracusa si toglie un sassolino dalla scarpa parlando di un altro livello di amministrazione, quello comunale, e della reintroduzione, il 16 di giugno, della Tassa di soggiorno a Siracusa: “Non si possono cambiare le regole mentre si gioca. Noi ai clienti abbiamo comunicato che l’amministrazione aveva preso una precisa decisione. Adesso ci perdiamo la faccia, ci troviamo a dover dire a questa gente ‘ci siamo sbagliati, adesso dovete pagare’. Ci sentiamo il nemico in casa”.

Sia Bandiera che Rosano sono d’accordo sul fatto che per rilanciare l’economia siciliana non si possa prescindere da un sistema infrastrutturale adeguato, strade e autostrade in buone condizioni e collegamenti ferroviari, marittimi e aerei degni di questo nome: “Il turista passa il 50% del tempo sulle autostrade che non possono definirsi tali – dice lapidario Rosano – Il nostro problema in Sicilia sono le infrastrutture, e non mi riferisco solo alle autostrade, mi riferisco anche alla rete ferroviaria: per arrivare a Palermo da Siracusa ci vogliono cinque ore e mezza, col treno. Se devo andare a Trapani ci vogliono 11 ore. E questo non aiuta di certo il turismo”.

Gli fa eco Bandiera: “La Sicilia per decenni è stata vittima di disattenzione o di abbandono da parte di gruppi nazionali che hanno il competenti per la rete viaria, ferroviaria e aerea – ha detto l’assessore – Non vi è dubbio che il governo regionale abbia bacchettato Anas, Trenitalia e Alitalia per svegliarli. Un esempio su tutti: il ponte Morandi a Genova rifatto in un anno, il viadotto Himera dopo cinque anni ancora… follie. Il governo regionale – conclude – vuole risultati, altrimenti è pronto anche a battere i pugni sul tavolo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.