Bar Sicilia ricorda la Strage di Capaci dalla casina No Mafia con Impastato e Ingroia CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

puntata numero 203

Bar Sicilia ricorda la Strage di Capaci dalla casina No Mafia con Impastato e Ingroia CLICCA PER IL VIDEO

di
22 Maggio 2022

CLICCA IN ALTO PER IL VIDEO

A trent’anni dalla Strage di Capaci in cui morirono Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, Bar Sicilia, nella sua puntata numero 203, arriva alla casina No Mafia insieme all’ex magistrato Antonio Ingroia e a Giovanni Impastato, fratello di Peppino, per ricordare il sacrificio dei servitori dello Stato uccisi da Cosa nostra il 23 maggio del 1992.

Antonio Ingroia

Si parte da una riflessione amara di Ingroia sulla necessità ‘tradita’ di dover fare antimafia ogni giorno e non solo in occasione degli anniversari: “E’ la rimozione della memoria. Paradossalmente le commemorazioni servono per rimuovere la memoria. Si fanno sfilate, passarelle in favore di telecamere in questi luoghi terribili e dall’indomani si riprende come prima, non facendo tesoro della lezione di Falcone e Borsellino. Il modo migliore di ricordare Falcone e Borsellino è invece fare tesoro della loro lezione tutti i giorni“.

Giovanni Impastato

Un tema che Impastato approfondisce con una riflessione sul modo di praticare l’antimafia:Oggi l’antimafia non va fatta sull’onda dell’emergenza ma soprattutto va fatta prevenzione, quello che purtroppo non si fa a livello sociale e non lo fanno nemmeno le istituzioni. Fare antimafia significa essere presenti sul territorio, salvaguardarne la bellezza, scontrarsi contro chi porta avanti le speculazioni, portare avanti denunce precise contro attività illegali che si verificano nelle amministrazioni e nella vita pubblica e soprattutto diffondere il pensiero che col loro sangue hanno tentato di costruire un Paese migliore“.

Ingroia torna sulla lezione impartita d Giovanni Falcone al nostro Paese e alla promessa non mantenuta fino in fondo di seguire la sua strada: “Sì, ci sono state indagini, ci sono stati i processi e si sono certamente fatti passi avanti, ma non basta. La mafia non è una banda di quattro delinquenti con coppola e lupara, ma un sistema criminale che fa spesso blocco con un pezzo della classe dirigente. Possiamo dire oggi che le indagini di trenta anni fa da Falcone sono state portate a termine? Io temo di no. Sull’onda dell’emozione e dell’0indignazione collettiva lo Stato ha fatto la sua parte, con i latitanti di mafia militare che sono stati arrestati. Sul versante militare Cosa nostra è ridimensionata. Non possiamo dire, però, che si sia saliti di livello poi. Anzi, la magistratura è stata fermata“.

Una battuta Giovanni Impastato la dedica a chi ha utilizzato l’antimafia per fare carriera: “Certamente ci sono quelli che nel nome dell’Antimafia e della legalità hanno fatto una bella carriera. Le sentenze che sono venute fuori negli ultimi tempi hanno determinato condanne non solo per volgari criminali ma anche per uomini che appartengono alle istituzioni. La mafia non è soltanto un antistato. Falcone parlava dei mafiosi non come marziani, ma come uomini in carne e ossa. La mafia non è invincibile ma c’è qualcuno che lavora perché lo sia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.