Bar Sicilia, Turano sul bonus regionale: "Soldi a 13 mila imprese. Click day scelta obbligata" | VIDEO :ilSicilia.it

Puntata numero 124

Bar Sicilia, Turano sul bonus regionale: “Soldi a 13 mila imprese. Click day scelta obbligata” | VIDEO

di
27 Settembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

A Bar Sicilia, per la puntata numero 124, ospite del direttore responsabile de ilSicilia.it Manlio Melluso e del direttore editoriale Maurizio Scaglione, l’assessore regionale alle Attività produttive Mimmo Turano, che ha parlato del bonus Sicilia destinato alle microimprese.

Sul ristoro economico c’è stata qualche polemica sulla scelta di selezionare soltanto alcuni codici Ateco, quelli che identificano la tipologia di azienda, e non altri per l’accesso al bonus: “Abbiamo inserito i codici delle attività bloccate dal Dpcm – spiega Turano Abbiamo subito una decisione, io credo giusta, del governo nazionale, quella di chiudere alcune attività durante il lockdown: siamo partiti dall’elenco di quelle attività per dare una mano d’aiuto, all’interno di queste abbiamo scelto di privilegiare le medio-piccole imprese“, ha spiegato Turano.

Qualcuno ha storto il naso anche per la scelta di utilizzare il click day, il 5 ottobre prossimo, come metodo per l’accesso al bonus: “Ho scelto il sistema del click day perché l’unico sistema previsto dal legislatore Nazionale che permette di pagare tutte le imprese in relazione all’ordine di presentazione delle domande individuali – ha spiegato l’assessore – Non dobbiamo valutare un progetto, bisogna solo valutare se tu hai avevi l’azienda chiusa: avevi il codice Ateco bloccato? Hai avuto un danno. Per quanto riguarda il sistema della valutazione del danno, lo abbiamo costruito in maniera oggettiva“.

Turano ha parlato anche delle stime della diffusione del beneficio, che prevede uno stanziamento totale di 125 milioni: “Pagheremo tra le 10 mila e le 12-13 mila imprese. Penso che arriveranno molte più domande, però sono certo che le imprese che noi ristoreremo riceveranno un ristoro vero“.

Il componente della giunta Musumeci ha commentato le vicende politiche interne al governo regionale e ha risposto a una domanda sul possibile rimpasto, più volte annunciato, alla Regione: “Il presidente Musumeci – ha detto Turano – ha dato una scaletta chiara a tutti i componenti della giunta. Tutti gli assessori sono sul pezzo, nessuno si preoccupa di tenere o perdere la poltrona. Dobbiamo soltanto assolvere al compito per cui siamo stati nominati dal Presidente ed eletti dal popolo. Poi dopo il popolo giudicherà“.

E proprio sulle elezioni, Turano ha espresso un parere sulla campagna de ilSicilia.it lanciata con l’hashtag #vogliamolapreferenza: “Per me è una vergogna che qualcuno decida di nominare qualche altro al Parlamento Nazionale non valorizzando e dimenticando i territori, non permettendo alle persone di scegliere il proprio rappresentante“, ha detto molto eloquentemente Turano.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin