'Bar Sicilia' vi porta a Corleone, viaggio nei luoghi della mafia restituiti alla legalità | VIDEO :ilSicilia.it

Puntata numero 114

‘Bar Sicilia’ vi porta a Corleone, nei luoghi della mafia restituiti alla legalità | VIDEO

di
7 Giugno 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Per la sua puntata numero 114 ‘Bar Sicilia‘, la trasmissione de ilSicilia.it condotta da Maurizio Scaglione e Manlio Melluso, vi porta a Corleone, lo splendido comune che purtroppo in passato, anche per una esposizione mediatica non sempre scevra da pregiudizi e a una filmografia, ha subito l’onta di essere semanticamente associata alla mafia.

Nicolò Nicolosi

La scalata dei ‘corleonesi’ Totò Riina, Bernardo Provenzano, Leoluca Bagarella e dei loro sodali ai vertici di Cosa nostra ha fatto sì che il nome della città riportasse la mente episodi terribili della Storia d’Italia. Ma Corleone ha trovato il modo di riscattarsi grazie all’operato dei suoi cittadini che hanno combattuto contro le logiche della prepotenza, della violenza e della corruzione.

Walter Ra

A fare da guida in questo tragitto di scoperta della città e dei suoi presidi di legalità, il sindaco del comune Nicolò Nicolosi, che ha ospitato ilSicilia.it al Cidma, il Centro internazionale di documentazione della mafia e dell’Antimafia – dove sono raccolti i faldoni del maxiprocesso istruito da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino contro i boss di Cosa nostra -, che ha raccontato il percorso virtuoso che la città a intrapreso in questi anni.

Pietro Di Miceli

Corleone ha tradizioni bellissime – ha affermato il primo cittadino – che si radicano nella storia di ruolo guida del comune nel territorio, ruolo che ha perduto quando la mafia lo ha ‘depresso‘”. Oggi, grazie all’intraprendenza dei giovani, è iniziata una fase di ripartenza culturale ed economica: “E’ un territorio prevalentemente agricolo, c‘è una spinta nuova grazie  all’impegno dei giovani imprenditori del territorio che hanno tra i 25 e i 40, ma il territorio gode della possibilità di sviluppo basato anche sul turismo culturale ed enogastronomico importante“.

Insieme a lui, ad accompagnarci in questo viaggio l’assessore alla legalità, Walter Ra, che ci ha guidati nella visita al Cidma, e Pietro Di Miceli, che è stato il Cicerone per i luoghi di Corleone restituiti alla comunità, come la casa natale di Bernardo Provenzano, diventata oggi un laboratorio della legalità, o come il luogo dell’assassinio di Bernardino verro, sindaco che lottò contro Cosa Nostra, tra i primi a cadere sotto i colpi della criminalità organizzata. Uno degli uomini simbolo della città di Corleone e della storia dell’antimafia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.