'Bar Sicilia' vi porta a Corleone, viaggio nei luoghi della mafia restituiti alla legalità | VIDEO :ilSicilia.it

Puntata numero 114

‘Bar Sicilia’ vi porta a Corleone, nei luoghi della mafia restituiti alla legalità | VIDEO

di
7 Giugno 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Per la sua puntata numero 114 ‘Bar Sicilia‘, la trasmissione de ilSicilia.it condotta da Maurizio Scaglione e Manlio Melluso, vi porta a Corleone, lo splendido comune che purtroppo in passato, anche per una esposizione mediatica non sempre scevra da pregiudizi e a una filmografia, ha subito l’onta di essere semanticamente associata alla mafia.

Nicolò Nicolosi

La scalata dei ‘corleonesi’ Totò Riina, Bernardo Provenzano, Leoluca Bagarella e dei loro sodali ai vertici di Cosa nostra ha fatto sì che il nome della città riportasse la mente episodi terribili della Storia d’Italia. Ma Corleone ha trovato il modo di riscattarsi grazie all’operato dei suoi cittadini che hanno combattuto contro le logiche della prepotenza, della violenza e della corruzione.

Walter Ra

A fare da guida in questo tragitto di scoperta della città e dei suoi presidi di legalità, il sindaco del comune Nicolò Nicolosi, che ha ospitato ilSicilia.it al Cidma, il Centro internazionale di documentazione della mafia e dell’Antimafia – dove sono raccolti i faldoni del maxiprocesso istruito da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino contro i boss di Cosa nostra -, che ha raccontato il percorso virtuoso che la città a intrapreso in questi anni.

Pietro Di Miceli

Corleone ha tradizioni bellissime – ha affermato il primo cittadino – che si radicano nella storia di ruolo guida del comune nel territorio, ruolo che ha perduto quando la mafia lo ha ‘depresso‘”. Oggi, grazie all’intraprendenza dei giovani, è iniziata una fase di ripartenza culturale ed economica: “E’ un territorio prevalentemente agricolo, c‘è una spinta nuova grazie  all’impegno dei giovani imprenditori del territorio che hanno tra i 25 e i 40, ma il territorio gode della possibilità di sviluppo basato anche sul turismo culturale ed enogastronomico importante“.

Insieme a lui, ad accompagnarci in questo viaggio l’assessore alla legalità, Walter Ra, che ci ha guidati nella visita al Cidma, e Pietro Di Miceli, che è stato il Cicerone per i luoghi di Corleone restituiti alla comunità, come la casa natale di Bernardo Provenzano, diventata oggi un laboratorio della legalità, o come il luogo dell’assassinio di Bernardino verro, sindaco che lottò contro Cosa Nostra, tra i primi a cadere sotto i colpi della criminalità organizzata. Uno degli uomini simbolo della città di Corleone e della storia dell’antimafia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin