Baracche a Messina: avviata la demolizione delle "Case D'Arrigo" :ilSicilia.it
Messina

34 famiglie avranno una casa normale

Baracche a Messina: avviata la demolizione delle “Case D’Arrigo”

di
27 Gennaio 2020

Aspettando la svolta definitiva, arriva un segnale incoraggiante sul fronte dell’emergenza baracche a Messina.

E’ stata, infatti, avviata nella mattinata di oggi la demolizione delle “Case D’Arrigo”. “Dopo 40 anni 34 famiglie sono uscite dalle baracche per vivere in una casa normale”, afferma con soddisfazione il sindaco Cateno De Luca, che ha presenziato all’entrata in azione delle ruspe insieme all’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone.

La demolizione delle Case D’Arrigo

“Ringraziamo l’assessore Falcone ma anche Giorgio Martini dell’Agenzia di Coesione per averci consentito di realizzare questo sogno – spiega De Luca -. Demolizione dell’area di “Case d’Arrigo” e avvio della prima fase di risanamento sono due passaggi importanti verso la svolta. Intanto sono iniziati i lavori per la demolizione delle baracche di Case d’Arrigo che occupavano l’area tra via Salandra e via Maregrosso”. Il rappresentante dell’Autorità di Gestione del Pon Metro, Giorgio Martini, ha voluto evidenziare “la valenza e la volontà dell’Amministrazione di destinare parte delle risorse finanziarie comunitarie per la riqualificazione territoriale e l’inclusione sociale a contrasto della marginalità e povertà abitativa”.

De Luca ha tenuto poi a sottolineare che tutto ciò è stato possibile “grazie al contributo dei fondi del Pon Metro, ma anche grazie alla collaborazione dal vicesindaco Salvatore Mondello, dell’assessore con delega ai Fondi Extra Comunali Carlotta Previti e alle Politiche Sociali Alessandra Calafiore, che, insieme ai dipendenti e funzionari comunali dell’Organismo Intermedio del Pon Metro e delle aziende partecipate Arisme e Messina Social City, hanno contribuito, ciascuno per la propria parte, alla realizzazione degli obiettivi delle linee progettuali dell’Asse 3 e dell’Asse 4”.

“La demolizione delle Case d’Arrigo – conclude De Luca – è solo l’ultimo atto di un lungo percorso che mira alla riqualificazione del territorio comunale e all’assegnazione di nuovi alloggi consegnati prioritariamente alle 32 famiglie abitanti nella stessa area di risanamento. L’Asse 3 ha inoltre permesso la presa in carico delle persone e dei nuclei familiari per la stesura di progetti personalizzati volti a migliorare le condizioni di vita attivando servizi mirati all’emancipazione sociale ed economica. Si può così ritenere concluso parte di un lungo e tortuoso percorso che ha tenuto in stallo per oltre 40 anni una città che da oggi potrà finalmente voltare pagina”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin