Baracche di Messina, Scurria guiderà l'Agenzia Risanamento: "La mia sfida più grande" :ilSicilia.it
Messina

L'intervista

Baracche di Messina, Scurria guiderà l’Agenzia Risanamento: “La mia sfida più grande”

di
8 Settembre 2018

“E’ la sfida più importante della mia vita, in questi casi la si definisce una sfida titanica ma come avrei potuto dire di no a questo grande impegno morale per aiutare Messina e i messinesi?”. Lo afferma in una intervista a ilSicilia.it, l’avvocato Marcello Scurria, presidente della neonata Arisme, l’Agenzia per il Risanamento di Messina.

Tra tanti pretendenti alla presidenza del nuovo organismo, il sindaco Cateno De Luca ha scelto lo stimato professionista messinese per l’incarico gravoso di presiedere l’ente che dovrà occuparsi delle complesse attività finalizzate allo sbaraccamento e la ricollocazione delle persone che a distanza di 110 anni dal terremoto del 1908 vivono ancora nelle baracche.

“Alle porte dei 58 anni, ormai da anni mi occupavo della mia professione e avevo smesso con la politica attiva – dichiara Scurria – ma questa è una sfida alla quale non ci si può sottrarre. Accetto questo incarico con grande spirito di dedizione e mi metto al servizio della comunità messinese. Stiamo parlando della dignità di tanti messinesi e della città di Messina ed è una sfida per me ineludibile. Senza alcun dubbio è l’incarico di maggiore responsabilità della mia vita, anche se chi conosce la mia storia umana e professionale sa che certamente ho vissuto in prima linea tantissimi impegni di grande rilievo. Ho già avuto una riunione in Comune con il sindaco Cateno De Luca e con le deputazioni messinesi per fare il punto. L’Agenzia, sia chiaro, nasce per risolvere i problemi, non per stare nel Palazzo. A mio avviso, e non perché sia stato scelto io, l’incipit di De Luca su questa vicenda non ha precedenti e può portare a quella svolta attesa da una infinità di tempo a Messina. La determinazione e la capacità di affrontare storture procedurali, cercando di semplificarle intanto, è stata la cosa migliore che il sindaco potesse fare anche perché c’erano due enti in precedenza che si occupavano dello stesso problema. Ed entrambi gli enti quel problema non lo hanno risolto”.

“Perché De Luca ha scelto me? Posso dire, svelando un aneddoto, che ci siamo parlati la prima volta in una trasmissione radiofonica lo scorso anno, che conducevo io e della quale eravate ospiti lei e De Luca, e nella quale si discuteva delle prospettiva politiche di questo territorio e della scelta che avrebbe fatto dopo le elezioni regionali De Luca, se candidarsi cioè a sindaco di Taormina o se invece a Messina. Certamente so che si parlava già allora molto bene di come aveva operato da sindaco dei Comuni di Fiumedinisi e Santa Teresa di Riva“. 

“Il pensiero corre, inevitabilmente, alla revoca dei famosi 500 miliardi di lire del 1990 e alle tante promesse rimaste poi tali. E’ una condizione di emergenza drammatica che deve avere fine e ha fatto bene il sindaco De Luca ad evidenziare che siamo di fronte ad un problema sociale ed anche sanitario. L’europarlamentare Michela Giuffrida, ha promesso che porterà la questione entro 10 giorni in discussione all’Europarlamento. Bisogna tenere accesi i riflettori su questa vicenda che è un dramma di portata non locale ma nazionale. Siamo di fronte ad un problema enorme. Non abbiamo poteri speciali ma ordinari, il compito dell’Agenzia sarà quello di supportare il Comune nell’andare a semplificare le procedure”.

L’agenda operativa di Scurria prevede subito un primo impegno lunedì mattina: “E’ stata convocata una conferenza dei servizi alla presenza dell’assessore alla Sanità per disporre uno screening sanitario delle persone che abitano nelle baracche. Rispetto al censimento del 2002 le baracche sono aumentate e potrebbero essere anche 3 mila”.

A Scurria ha rivolto il suo augurio di buon lavoro il sindaco De Luca. “Sono convinto che Scurria e tutti gli altri componenti di Arisme faranno un lavoro importante. Ora la Città di Messina non avrà più alibi perché è divenuta protagonista di una nuova strategia di semplificazione amministrativa frutto delle modifiche normative della legge regionale 10/1990. Auguro ai componenti degli organi sociali un proficuo lavoro nel rispetto delle finalità e dei tempi che ci siamo imposti con la giunta ed il Consiglio comunale. Ho anche emanato un’ordinanza, intanto, per la verifica sanitaria immediata degli abitanti nelle baracche a seguito dell’accertato caso di asbestosi”. “Io ci ho messo la mia intraprendenza e determinazione politica – continua De Luca – mentre l’avvocato Scurria ci ha messo la sua esperienza e capacità giuridica. L’Agenzia per il Risanamento di Messina è frutto della nostra caparbietà e della condivisione del Governo e del Parlamento Siciliano con il successivo avallo della Giunta e del Consiglio comunale”.

Il Cda dell’Agenzia Risanamento Messina sarà presieduto dall’avvocato Scurria ed avrà come componenti Alessia Giorgianni e l’ex dirigente delle Aziende Foreste, Giuseppe Aveni. Il Collegio dei Revisori sarà formato da Salvatore Loria,, Rosario Passari e Margherita Milazzo. Da notare come per il bando lampo che ha portato alla costituzione dell’Agenzia per il Risanamento e alle relative nomine sono arrivate in 48 ore oltre 300 curricula con relative candidature.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin