Baraccopoli di Messina, De Luca: "Il governo ci ha lasciati soli ma noi non molliamo" :ilSicilia.it
Messina

Il sindaco rilancia la sfida

Baraccopoli di Messina, De Luca: “Il governo ci ha lasciati soli ma noi non molliamo”

di
22 Gennaio 2019

“Io ci sto mettendo la faccia insieme alla mia Amministrazione, la Regione sta facendo la sua parte e il Governo nazionale invece sino a questo momento non ci ha dato nessun supporto”. Così il sindaco di Messina, Cateno De Luca, torna a lanciare frecciate all’indirizzo del Governo nazionale sulla questione del risanamento della zone baraccate di Messina. Il primo cittadino non fa giri di parole: Il governo nazionale ci ha lasciati soli a combattere questa guerra di civiltà per il risanamento della città di Messina e l’abbattimento delle baracche con l’assegnazione di unità abitative a questi disperati, noi però andiamo avanti senza alcuna esitazione prendendoci anche le responsabilità del fallimento dei nostri predecessori”.

“L’attuale governo regionale ha fatto la sua parte – continua De Luca – autorizzando il Comune di Messina a costituire l’agenzia per il risanamento però ora deve mettere a disposizione le risorse necessarie per chiudere con questa vergogna delle baracche. Servono circa 200 milioni di euro, di cui 20 circa li ha reperiti il Comune di Messina. La Regione Siciliana metterà la rimanente parte. Dunque: 60 milioni circa sono le attuali economie; 80 milioni circa sono le somme illegittimamente sottratte dall’originaria dotazione della legge 10/90; 40 milioni sono i fondi Poc della legge di stabilità regionale del 2018. Il risanamento oltre ad essere una delle nostre priorità è anche una guerra di civiltà“.

De Luca rimarca di non aver gradito il no del Consiglio dei Ministri alla richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza e aggiunge: “Ci saremmo aspettati ben altra considerazione per una emergenza che va avanti da oltre un secolo e sulla quale l’Amministrazione comunale da me presieduta andrà avanti con la massima determinazione per ridare dignità ai cittadini messinesi”.  

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin