BarbaBlùfest al Parco archeologico di Morgantina: l'omaggio a Battisti CLICCA PER FOTO E VIDEO :ilSicilia.it
Enna

L'evento

BarbaBlùfest al Parco archeologico di Morgantina: l’omaggio a Battisti CLICCA PER FOTO E VIDEO

di
25 Luglio 2022

 

                               GUARDA LE FOTO IN BASSO E IL VIDEO IN ALTO

MORGANTINA (EN). Cinquecento spettatori che cantano insieme i grandi successi di Lucio Battisti, ridono e si intrigano agli aneddoti di Mogol che con il suo stile ironico e la sua memoria di ferro, ha punteggiato un lungo viaggio tra racconti inediti e particolari. Sulla scia di venti canzoni di Battisti, le più belle, quelle che il pubblico ricorda di più, che portano tutte la firma in calce di Mogol, interpretate da Gianmarco Carroccia (che per voce e stile sembra Battisti redivivo). E’ stata una serata magica quella di ieri al Parco archeologico di Morgantina, per il BarbablùFest; per chi era giovane e per chi ha scoperto dopo questi pezzi che sembrano scolpiti nella memoria.

Domani (martedì 26 luglio) alle 20,30 il Barbablù festival ideato da Pietrangelo Buttafuoco e diretto da Giuseppe Dipasquale, si sposta per la prima volta davanti alla Villa del Casale di Piazza Armerina per ospitare il debutto di Viaggio immaginario nella Sicilia della memoria del polistrumentista Pippo Kaballà e del pianista e fisarmonicista Antonio Vasta. Si tratta di una vera contaminazione fra note, parole e suggestioni visive, un modo singolare di coniugare musica colta e popolare, poesia e letteratura, cinema e teatro. Un lavoro che espande i confini del concerto verso altri territori artistici, raccontando, anche attraverso il dialetto, una Sicilia sempre protagonista, prepotente, dolce, aspra e sapiente.

Tra le sue canzoni riarrangiate in modo essenziale e raffinato, che sfiorano i confini della colonna sonora e ricche di citazioni di musica colta, Kaballà rilegge brani di poesia e prosa che spesso lo hanno ispirato – da Sciascia a Pirandello, da Consolo a Brancati – mentre su uno schermo alle spalle dei musicisti, scorrono immagini di grande suggestione, brani di film storici, da Luchino Visconti ai fratelli Taviani, da Strauβ e Huillet all’Istituto Luce, sapientemente montati da Sebastiano Gesù, critico cinematografico e docente di storia del cinema all’Università di Catania. Tutto questo per narrare di una terra, un popolo, un “modus vivendi” dove la canzone diventa presupposto per un viaggio immaginario sul filo della memoria.

Mercoledì (27 luglio) alle 19,30, invece, il festival tornerà al Parco archeologico di Morgantina per la rilettura di Donatella Finocchiaro (al suo debutto nella regia condivisa con Luana Rondinelli) per La Lupa verghiana, presentato pochi giorni addietro a Catania.
Fortemente voluto dall’assessore ai Beni culturali e all’Identità siciliana, Alberto Samonà, il BarbablùFest – da un’idea di Pietrangelo Buttafuoco, con la direzione artistica di Giuseppe Dipasquale e la produzione esecutiva e organizzazione generale a cura di Terzo Millennio di Andrea Peria Giaconia – si srotolerà fino al 7 agosto nel parco archeologico di Villa del Casale e Morgantina diretto da Liborio Calascibetta.

INFO PRATICHE
Gli spettacoli teatrali inizieranno alle 19,30, i concerti alle 20, nei due siti all’interno del Parco archeologico di Morgantina; alle 20,30 i due appuntamenti dinanzi alla Villa del Casale. Ingresso posto unico: 10 euro. Info e acquisto biglietti su www.terzomillennio.info

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro