18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05

Subentra a Gabriele Pelissero che chiude i suoi sei anni di mandato

Barbara Cittadini eletta presidente Aiop nazionale. Per la prima volta una donna a capo degli ospedali privati

27 Maggio 2018

Barbara Cittadini è stata eletta presidente di AIOP Nazionale per il triennio 2018 – 2021, al termine della 54^ assemblea generale che si chiude oggi a Roma. Subentra a Gabriele Pelissero che chiude i suoi sei anni di mandato.

Nata a Palermo 51 anni fa, laureata in Scienze Politiche con indirizzo politico-sociale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 1991, dal 1994 è presidente e legale rappresentante della Casa di Cura Candela Spa di Palermo, da luglio 2006 presidente regionale di AIOP Sicilia e da giugno 2012 vice presidente nazionale di AIOP. Tra gli altri incarichi, Barbara Cittadini è componente del Gruppo tematico Sanità-Scienze della Vita di Confindustria Nazionale e vicepresidente di Confindustria Palermo con delega alla sanità e politiche socio-economiche.

Sono molto soddisfatta di questo risultato e ringrazio gli associati per la fiducia e l’affetto che mi hanno dimostrato. Il primo obiettivo che mi prefiggo per questo mio mandato è quello di rappresentare gli interessi di tutte le aziende AIOP – grandi, medie e piccole – rispettandone e valorizzandone le diversità, perchè l’unicità di ogni singola struttura deve essere per noi un’opportunità” afferma Barbara Cittadini.

Da presidente  – continua – mi impegnerò a creare nuove forme di collaborazione per potenziare l’intera filiera della salute e il ruolo di AIOP come rappresentante di tutte le tipologie di erogatori che la nostra associazione rappresenta. AIOP è quotidianamente impegnata a soddisfare, in maniera efficiente ed efficace, la domanda di salute degli italiani, che continuano a sceglierci per la qualità che le nostre strutture socio-sanitarie offrono“.

LE REAZIONI:
Da destra l'assessore alla Salute Ruggero Razza e il presidente dell'Aiop Barbara Cittadini
Da destra l’assessore alla Salute Ruggero Razza e il presidente dell’Aiop Barbara Cittadini

“L’elezione di Barbara Cittadini alla guida dell’Associazione italiana ospedalità privata rappresenta un successo per tutta la Sicilia. Mi fa piacere che l’esperienza maturata in questi anni dalla dottoressa Cittadini possa essere messa a disposizione dell’intera nazione. In questi mesi con Aiop Sicilia e’ stato intenso il dialogo ed è sempre stata alimentata la consapevolezza di dare alla Sicilia una sanità efficiente ed a livello delle attese della gente”. Lo dice l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, commentando l’elezione di Barbara Cittadini a presidente nazionale dell’Aiop.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.