Barbiere abusivo positivo al coronavirus, in 40 finiscono in isolamento domiciliare :ilSicilia.it
Caltanissetta

SUCCEDE A CAMPOFRANCO (CL)

Barbiere abusivo positivo al coronavirus, in 40 finiscono in isolamento domiciliare

di
15 Maggio 2020

Esercitava abusivamente la professione di barbiere nonostante le disposizioni imposte per l’emergenza coronavirus. Poi, a seguito delle analisi, è risultato positivo al covid-19, costringendo tutti i suoi clienti alla quarantena forzata.

E’ successo a Campofranco, comune in provincia di Caltanissetta. L’uomo, secondo le prime ricostruzioni, è venuto a contatto con circa 40 persone.

LE PAROLE DEL SINDACO ROSARIO PITANZA

E’ una situazione che, come succede nei piccoli paesi, coinvolge tutta la comunità. Questa positività mi è stata comunicata ufficialmente il 13 maggio intorno alle 20 e subito mi sono allertato e adoperato con i medici ASP di Campofranco in maniera unitaria per seguire il protocollo“, ha detto il sindaco di Campofranco, Rosario Pitanza.

“La problematica, inutile nasconderlo, si è allargata per i contatti che il soggetto ha dichiarato e per quelli ricostruiti su cui l’ASP sta lavorando. Io stesso sono in contatto tutta la notte con i miei concittadini, giovani, adulti, anziani per cercare di tranquillizzarli e affrontare nel migliore dei modi questa situazione che rischia di destabilizzare una situazione sociale un po’ precaria a causa anche di alcuni tentativi di sciacallaggio sociale che non fanno certo bene in questo periodo, con qualche responsabile morale che ne risponderà nelle sedi opportune“.

Fortunatamente la quasi totalità dei miei concittadini è gente per bene che osserva le regole, il buonsenso e il rispetto dell’altro. Comunque invito i miei concittadini a stare quanto più sereni possibili e uniti, perché solo così affronteremo al meglio la situazione uscendone vincenti. Invito anche a non assurgersi a ruoli non nostri o ancora a giudici popolari, affidiamoci agli organi preposti e sono sicuro che in breve tempo potremmo dire che ancora una volta la Campofranco buona, la quasi totalità dei miei concittadini, sarà più forte anche del coronavirus“, chiosa Rosario Pitanza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti