Barbieri e parrucchieri, si cerca una soluzione per riaprire. A Palermo boom di abusivi | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

nuova denuncia di Nunzio Reina (Confesercenti)

Barbieri e parrucchieri, si cerca una soluzione per riaprire. A Palermo boom di abusivi | VIDEO

di
14 Aprile 2020

Guarda il video in alto

Nonostante i divieti che hanno creato qualche grattacapo anche al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – che pure a Palermo ha il suo barbiere di fiducia – nel capoluogo siciliano la gente continua ad avere i capelli a posto: in giro, non di rado, si vedono – rigorosamente con la mascherina – uomini con la piega perfetta e donne col colore della chioma omogeneo: come può essere se per l’emergenza dovuta al coronavirus barbieri e parrucchieri devono tenere le saracinesche abbassate?

Difficile pensare che siano diventati tutti Figaro all’improvviso, maestri dell’uso delle forbici all’interno delle quattro mura di casa propria. Più probabile ipotizzare che, tra barbieri e parrucchieri, ci sia chi fa il furbo ed esegua i servizi abusivamente, magari nella propria abitazione o, peggio, negli scantinati nascosti delle periferie cittadine.

Questa, almeno, è l’idea che si è fatto Nunzio Reina, barbiere di professione, vicepresidente della Camera di Commercio di Palermo e responsabile benessere di Confesercenti nazionale, che già qualche settimana aveva denunciato le violazioni, e che oggi ritorna alla carica: “Ci sono troppi abusivi – dice –,così  chi tutela la salute di clienti e dipendenti, viene danneggiato da queste persone. Non vorrei che alla fine di tutta questa vicenda convenga abbassare le saracinesche ed esercitare a casa propria“.

Il rischio, insomma, è che i’furbetti’ abbiano la meglio sui professionisti corretti. Per evitare che ciò avvenga, Confesercenti Palermo ha deciso di rivolgersi alle Istituzioni: “Stamattina – spiega Reina – c’è stata un’audizione a distanza con la commissione Attività produttive del Comune di Palermo durante la quale ho esposto il problema personalmente. abbiamo trovato alcuni punti di accordo: la commissione farà intervenire l’assessore alle Attività produttive del Comune di Palermo – riporta Reina –, poi quest’ultimo si farà portavoce con il suo omologo regionale per vedere se ci sono le condizioni per svolgere l’attività in sicurezza. Contestualmente – prosegue il vicepresidente della Camera di Commercio di Palermo – Confesercenti nazionale scriverà una lettera per sollecitare il tavolo tecnico insediato dal governo a Roma per verificare l’opportunità di apertura delle attività di barbieri e parrucchieri con i prossimi provvedimenti, ovviamente attenendosi scrupolosamente alle regole igienico sanitarie e di sicurezza e soltanto dopo il termine del 3 maggio“.

Stiamo cercando, nel rispetto delle regole e della legalità, rifiutando nettamente le forme di abusivismo – è la conclusione di Reina –, di vedere quali sono le condizioni migliori per ripartire, tutelando la salute dei palermitani e degli italiani tutti, visto che il problema è di tutta la nazione“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro