Barbieri e parrucchieri, si cerca una soluzione per riaprire. A Palermo boom di abusivi | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

nuova denuncia di Nunzio Reina (Confesercenti)

Barbieri e parrucchieri, si cerca una soluzione per riaprire. A Palermo boom di abusivi | VIDEO

di
14 Aprile 2020

Guarda il video in alto

Nonostante i divieti che hanno creato qualche grattacapo anche al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella – che pure a Palermo ha il suo barbiere di fiducia – nel capoluogo siciliano la gente continua ad avere i capelli a posto: in giro, non di rado, si vedono – rigorosamente con la mascherina – uomini con la piega perfetta e donne col colore della chioma omogeneo: come può essere se per l’emergenza dovuta al coronavirus barbieri e parrucchieri devono tenere le saracinesche abbassate?

Difficile pensare che siano diventati tutti Figaro all’improvviso, maestri dell’uso delle forbici all’interno delle quattro mura di casa propria. Più probabile ipotizzare che, tra barbieri e parrucchieri, ci sia chi fa il furbo ed esegua i servizi abusivamente, magari nella propria abitazione o, peggio, negli scantinati nascosti delle periferie cittadine.

Questa, almeno, è l’idea che si è fatto Nunzio Reina, barbiere di professione, vicepresidente della Camera di Commercio di Palermo e responsabile benessere di Confesercenti nazionale, che già qualche settimana aveva denunciato le violazioni, e che oggi ritorna alla carica: “Ci sono troppi abusivi – dice –,così  chi tutela la salute di clienti e dipendenti, viene danneggiato da queste persone. Non vorrei che alla fine di tutta questa vicenda convenga abbassare le saracinesche ed esercitare a casa propria“.

Il rischio, insomma, è che i’furbetti’ abbiano la meglio sui professionisti corretti. Per evitare che ciò avvenga, Confesercenti Palermo ha deciso di rivolgersi alle Istituzioni: “Stamattina – spiega Reina – c’è stata un’audizione a distanza con la commissione Attività produttive del Comune di Palermo durante la quale ho esposto il problema personalmente. abbiamo trovato alcuni punti di accordo: la commissione farà intervenire l’assessore alle Attività produttive del Comune di Palermo – riporta Reina –, poi quest’ultimo si farà portavoce con il suo omologo regionale per vedere se ci sono le condizioni per svolgere l’attività in sicurezza. Contestualmente – prosegue il vicepresidente della Camera di Commercio di Palermo – Confesercenti nazionale scriverà una lettera per sollecitare il tavolo tecnico insediato dal governo a Roma per verificare l’opportunità di apertura delle attività di barbieri e parrucchieri con i prossimi provvedimenti, ovviamente attenendosi scrupolosamente alle regole igienico sanitarie e di sicurezza e soltanto dopo il termine del 3 maggio“.

Stiamo cercando, nel rispetto delle regole e della legalità, rifiutando nettamente le forme di abusivismo – è la conclusione di Reina –, di vedere quali sono le condizioni migliori per ripartire, tutelando la salute dei palermitani e degli italiani tutti, visto che il problema è di tutta la nazione“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin