Barbieri e parrucchieri siciliani vogliono aprire il 18 maggio: "Clienti uno alla volta" :ilSicilia.it

Il protocollo di sicurezza

Barbieri e parrucchieri siciliani vogliono aprire il 18 maggio: “Clienti solo su appuntamento”

di
11 Maggio 2020

Barbieri, parrucchieri ed estetisti siciliani sono pronti. Così, sebbene costretti a lungo ai box, scaldano i motori. Scatta la carica dei quasi diecimila addetti del settore immagine e benessere. Il 18 maggio è una data cerchiata in rosso per l’esercito armato di pettini e forbici.

Il governo Musumeci da tempo fa pressioni su Roma sull’onda dei buoni dati che confermano l’arretramento del coronavirus. “Per favorire la ripartenza abbiamo già proposto un protocollo di sicurezza al governo regionale“, dice Nunzio Reina, responsabile dell’area Immagine e Benessere di Confesercenti Sicilia che già aveva sottolineato il problema a metà aprile. Proprio Confesercenti Sicilia ha presentato al Governo regionale la bozza del documento elaborato dall’associazione per garantire la sicurezza sotto il profilo organizzativo e igienico sanitario.

In attesa che siano emanate a livello nazionale i protocolli per il comparto, di concerto con l’ufficio legislativo nazionale di Confesercenti, aggiunge Reina, “abbiamo voluto definire un protocollo da mettere a base della discussione con la Regione Sicilia e su cui ci auguriamo possa partire presto il confronto“.

Tre i capitoli del protocollo: aspetti di carattere organizzativo, igienico-sanitari, aspetti aggiuntivi per i centri estetici. Dal punto di vista organizzativo, la bozza di protocollo proposta da Confesercenti Sicilia prevede la ripresa delle attività “esclusivamente su appuntamento” con la possibilità di “orari flessibili a tutela dello svolgimento dell’attività e della turnazione dei dipendenti” e una serie di accorgimenti per assicurare il distanziamento.

Prevista pure la stampa di materiale informativo per il personale e per la clientela sulle norme da seguire. In cima tra gli aspetti igienico-sanitari c’è l’utilizzo obbligatorio di mascherine e guanti per il personale (e occhiali protettivi dove non può essere garantito il distanziamento) e l’utilizzo della mascherina per la clientela già all’ingresso (in caso di assenza sarà fornita dal titolare dell’attività). Ancora, tra i dispositivi obbligatori: soluzioni disinfettanti all’ingresso e in corrispondenza a tutte le postazioni di lavoro.

Previste inoltre tra le altre misure: l’igienizzazione alla fine di ogni trattamento delle postazioni di lavoro e la disinfezione dei servizi igienici dopo ogni utilizzo. Il protocollo prevede anche dove possibile l’utilizzo di materiale monouso e il lavaggio con prodotti igienizzanti dei dispositivi in tessuto.

Per i centri estetici vengono infine previsti alcuni accorgimenti in più: l’utilizzo di camici monouso o il lavaggio giornaliero degli indumenti ad alta temperatura con prodotti igienizzanti; e un’accurata detersione dei lettini con ipoclorito di sodio-candeggina o alcool denaturato, oltre che l’arieggiamento della cabina dopo ogni trattamento.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.