Barcellona Pozzo di Gotto, in manette assessore, divieto di dimora per il sindaco :ilSicilia.it
Messina

Le accuse sono di false attestazioni, velocizzazione indebita delle relative pratiche

Barcellona Pozzo di Gotto, in manette ex assessore, divieto di dimora per il sindaco

di
16 Febbraio 2018

Un terremoto si abbatte sul comune di Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese, dove stamattina è scattato un blitz che vede coinvolti politici e funzionari municipali. In manette  Angelo Coppolino, ex assessore comunale allo Sport, che avrebbe esercitato pressioni su tecnici e amministratori compiacenti per occultare difformità e illeciti edilizi di alcuni suoi parenti. Disposta la misura del divieto di dimora per il sindaco Roberto Materia.

Attraverso false attestazioni, velocizzazione indebita delle relative pratiche, omissione di atti dovuti, Coppolino avrebbe fatto ottenere un ingiusto vantaggio patrimoniale ad amici e parenti nella speranza di ottenere futuri vantaggi, dice l’accusa.

Il sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto, Roberto Materia, invece, è accusato di abuso d’ufficio perché avrebbe revocato illegittimamente l’incarico all’ex comandante della Polizia Municipale. Il sindaco, oltre al divieto di dimora è stato sottoposto anche al divieto di ingresso nel comune di Barcellona Pozzo di Gotto.

Le persone alle quali la polizia di Stato ha notificato le ordinanze per concussione, abuso d’ufficio e falso, a vario titolo, sono oltre a Materia, e all’ex assessore Angelo Coppolino, anche Salvatore Di Pietro, vice comandate polizia municipale, Carmelo Rucci, funzionario dell’Ufficio Tecnico Edilizia Privata, Concessioni Edilizie e Sanatoria, l’architetto Bruno Isgrò, i tecnici comunali Francesco Livoti e Giuseppe Bonomo e Santi Alligo, ex segretario generale.

Coppolino si trova in carcere, Rucci ai domiciliari, Livoti, Bonomo e Di Pietro sono sottoposti alla misura interdittiva della sospensione da ogni ufficio ricoperto all’interno del Comune. Per Isgrò è scattata la misura del divieto di esercitare la professione di architetto per sei mesi. Sottoposto al divieto di dimora Alligo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.