Barche dei migranti abbandonate, il sindaco di Lampedusa: "Chiedo lo stato di calamità" :ilSicilia.it

le parole di Totò Martello

Barche dei migranti abbandonate, il sindaco di Lampedusa: “Chiedo lo stato di calamità”

di
9 Dicembre 2020

Chiedo al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al presidente della Regione Nello Musumeci la dichiarazione dello stato di calamità per quanto sta avvenendo a Lampedusa, dove le imbarcazioni utilizzate dai migranti, mai rimosse dal porto dell’isola dalle Autorità preposte, a causa di una nuova mareggiata continuano a provocare gravi danni all’ambiente e alle infrastrutture portuali, e mettono a rischio gli stessi operatori dei vigili del fuoco, della Guardia di finanza e della Guardia costiera intervenuti per limitare le conseguenze“. Lo dice Totò Martello, sindaco di Lampedusa e Linosa che in passato ha più volte denunciato questa situazione e che nei giorni scorsi ha predisposto un’ordinanza sindacale per permettere all’Amministrazione comunale un intervento diretto per la rimozione e lo smaltimento delle imbarcazioni.

Con il forte vento di Libeccio di questi giorni le imbarcazioni ‘abbandonate’ al molo Favaloro diventano ‘ingestibili’ – spiega il primo cittadino –. Affondano in tutto o in parte, alcune vanno alla deriva disperdendo in mare rottami inquinanti e carburante. Sono stato costretto a firmare l’ordinanza sindacale alla luce dei ritardi e dei mancati interventi da parte della Autorità preposte, Agenzia delle Dogane e ministero dell’Ambiente. Ma il Comune ha, comunque, mezzi limitati, non è semplice tirare in secco imbarcazioni o barconi di grandi dimensioni e poi demolirli nel rispetto delle normative vigenti. Nel frattempo servono interventi particolari e immediati per ripulire le acque, le coste e i fondali: da soli non ce la facciamo. Chiedo al presidente Conte e al presidente Musumeci di dichiarare lo stato di calamità – conclude Martello -: è l’unico modo per evitare che questo disastro ambientale comprometta il nostro mare e le nostre bellezze naturali“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin