Basket, A2: Tonfo Orlandina, brutta sconfitta in gara due! :ilSicilia.it
Messina

CAPO D'ORLANDO RISCHIA GROSSO

Basket, A2: Tonfo Orlandina, brutta sconfitta in gara due

di
14 Giugno 2019

Rovinosa sconfitta dell’Orlandina in gara due, travolta da Trevisto per 82-56. I veneti si portano sul 2-0 nella serie promozione, obbligando la Benfapp a fare un filotto perfetto se vuole ancora sperare nella promozione in Serie A1.

L’inpensabile è accaduto, l’inconcepibile si è avverato“. Senza voler scomodare troppo l’imperatore giapponese Hirohito, ma davvero in pochi si aspetta un tonfo così rumoroso nel punteggio e nel gioco. L’assenza di Brandon Triche non può giustificare un simile passivo, frutto infatti di un crollo psicologico dopo la fine del secondo quarto, che si è rivelato il parziale decisivo della partita.

Eppure la Benfapp aveva mostrato dei progressi nel primo quarto, mettendo in campo quell’intensità difensiva che tanto era mancata in gara uno. Treviso gioca a memoria, ma Capo d’Orlando riesce a limitare i danni, chiudendo il primo quarto sotto di quattro punti, poi il nulla.

Il motore dell’Orlandina si spegne all’improvviso nel secondo quarto, quasi come se i ragazzi di coach Sodini fossero rimasti senza benzina. Treviso fa una grande prova di squadra, con Tessitori devastante sotto canestro e un Burnett che serve assist a destra e a manca, senza farsi mancare percussioni offensive. Capo d’Orlando non ci capisce davvero nulla, con Parks marcato a uomo e senza possibilità d’uscita dalla gabbia trevigiana, con il resto dell’Orlandina completamente imballata.

La Benfapp segna solo a cronometro fermo, sbagliando molto anche nel fondamentale dei tiri liberi. Coach Sodini chiama due time-out consecutivi, ma l’apatia dell’Orlandina continua, nonostante l’allenatore di Capo d’Orlando provi ogni soluzione possibile. Prima ci prova con il pressing alto, finendo per esporsi a rapidi contropiedi e triangolazioni ispirate da Logan e Burnett. Poi prova a marcare basso e a zona, ma i ritmi di Treviso sono troppo alti, non consentodone alle guardie di Capo d’Orlando di trovare opportuni accorgimenti.

Il 28 – 7 del secondo quarto la dice lunga, lunghissima. Si va all’intervallo lungo, ma la partita è già irrimediabilmente compromessa. L’assenza di Brandon Triche si fa sentire, ma non può giustificare un simile passivo. Treviso si diverta per il proseguo delle partita, spinta dai cinquemila tifosi presenti al PalaVerde. Ultimo a mollare nell’Orlandina Simone Bellan, autore di 16 punti nella partita forse più difficile della stagione di Capo d’Orlando.

Finisce 82-56, con Capo d’Orlando che si ritrova ora a non potere più sbagliare, nella speranza di recuperare Triche almeno per gara tre. Sodini e i suoi ragazzi hanno molto da meditare, se vogliono avere qualche possibilità di ribaltare questa risultato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.